spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 21 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Festival Grevigiano, seconda serata: in finalissima Enza Lombardi ed Eleonora Sanesi

    Sabato 23 marzo ancora applausi. In finale Simpatia Marco Toniazzi​. Premio La Stadera​ a Corinne De Marco

    GREVE IN CHIANTI – La seconda serata (sabato 23 marzo) del Festival Grevigiano 2019 ha visto alternarsi concorrenti preparati, pronti a sfidarsi (non senza emozioni) sul palco del Cinema Teatro Boito.

     

    Dove un pubblico attento non ha risparmiato applausi a cantanti e ospiti, che hanno strappato anche sorrisi e risate.

     

    I più, smessi gli abiti da lavoro, ce l’hanno messa davvero tutta, con varie canzoni scelte anche con una dedica speciale ai propri cari che non ci sono più; ma anche a persone che in questi anni del Festival hanno dato davvero tanto.

     

     

    Ad accogliere il pubblico all’ingresso, con il loro sorriso, sono stati i ragazzi della cooperativa sociale onlus La Stadera.

     

    Che durante le serate, oltre ad assistere i giurati,aiutano gli organizzatori di Quelli che il Festival (Andrea, Paolo, Sauro, Stefano) a far sì che tutto vada per il meglio.

     

    Ma torniamo alla gara. Sul palco, come sempre, un doveroso plauso va al presentatore Sauro e al suo assistente Stefano, detto “Banana”, che non si sono risparmiati simpatiche battute pienamente condivise con il pubblico.

     

    Mentre i cantanti sono stati accompagnati dalla bellissima voce di Matilde Sferlazza, insegnante di canto della Scuola di Musica di Greve in Chianti, che come la prima serata ha aperto con la "sigla" (oltre a essere la vocal coach di tutti i cantanti).

     

    COOPERATIVA LA STADERA – Gran bella accoglienza all'ingresso in Teatro

     

    Meritati applausi anche alla band con al basso Luca, alla batteria Andrea, alla chitarra Daniele e alla tastiera Mattia. A rappresentare il comune di Greve in Chianti l’assessore alla cultura Lorenzo Lotti, che ha ringraziato l’organizzazione stimolando i giovani a partecipare alle prossime edizioni del Festival Grevigiano.

     

    Dodici sono stati i concorrenti, nelle categorie Voce e Simpatia, che si sono esibiti in questo ordine: Silvia Iacobellis, Mauro Di Laghi, Corinne De Marco, Felice De Marco, Carlotta Giorgi, Andrea Ermini, Enza Lombardi, Cesare Penserini e Laura Bruno, Giulia Verniani, Marco Toniazzi, Simona Penasso, Leonora Senesi.

     

    Ospiti della serata A.S.D. Double Step, la Scuola di Musica di Greve in Chianti, la Scuola di Ballo Star Dance.

     

    Dopo la mezzanotte è arrivato l’atteso verdetto: premio La Stadera, per aver espresso al meglio il suo talento, è stato assegnato alla giovane Corinne De Marco.

     

    Nella categoria Simpatia che passa alla finale Marco Toniazzi, mentre accedono alla finalissima di domenica 24 marzo, con un punteggio ex aequo, Enza Lombardi e Leonora Sanesi. Che dovranno vedersela con gli altri due finalisti usciti dalle eliminatorie di venerdì, Leonardo Moroni e Massimiliano Picone.

     

    SUPER COPPIA SUL PALCO – Stefano (Banana) e Sauro. Simpatia, ritmo, fanno sentire tutti a casa

     

    Si inizia, sempre al Boito, oggi pomeriggio. Accanto ai finalisti adulti, anche la gara delle Nuove Voci: Viola Bini, Serena Perna Martina Sabatini; Samuele Galletti; Giada Grazzini; Ester Bencistà Falorni e Matilde Falleri; Rajna Meta; Silvia Ermini; Diego Castellani; Benedetta Coccia; Corinna Meucci; Ardita Shala; Jennifer Levice; Delia Gori; Mattia Ponzi.

    di Antonio Taddei

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...