spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 29 Gennaio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Serate dantesche, un’estate in versi per il Sommo Poeta a Greve in Chianti

    Definita la ricca programmazione culturale organizzata dal Comune in occasione dei 700 anni dalla morte di Dante Alighieri

    GREVE IN CHIANTI – “E quindi uscimmo a riveder le stelle…” nelle Serate dantesche promosse e organizzate dal Comune di Greve in Chianti.

    È il Sommo Poeta, in occasione delle Celebrazioni 2021 per i 700 anni dalla morte di Dante Alighieri, il protagonista assoluto del ricco programma culturale che mette in parallelo letture, concerti e conferenze negli spazi pubblici del territorio comunale, ispirati alla straordinaria architettura letteraria dantesca, caposaldo della lingua italiana.

    Il cartellone nasce da un’idea dell’assessorato alla cultura e turismo ed è patrocinato dalla Regione Toscana.

    Dante in jazz, nella terrazza panoramica del museo, in biblioteca. Il lungo viaggio che miscela parole e note propone una girandola di appuntamenti in programma da luglio a ottobre.

    L’iniziativa apre i battenti giovedì 1 luglio alle ore 21.15 presso la terrazza del museo San Francesco in occasione delle Notti dell’Archeologia con un incontro-letture sulla geografia dantesca, tra Inferno e Purgatorio, sull’origine e i riferimenti al Chianti.

    Nella stessa sede, la sera successiva, venerdì 2 luglio alle ore 21.15, sarà Riccardo Starnotti a leggere e commentare il decimo canto dell’inferno. “Dante in Jazz” è l’evento che ospiterà piazza Matteotti venerdì 30 luglio alle ore 21.15.

    Al centro della serata la voce recitante di Alessandro Calonaci, accompagnato alla chitarra da Giulio Stracciati, nell’esibizione dei Canti più famosi della Divina Commedia, presentati in una chiave inedita.

    Le porte della biblioteca comunale si apriranno giovedì 23 settembre alle ore 17 per un evento in bilico tra musica e testi con Enzo Fileno Carabba, Emiliano Terreni e il Meissa duo, con Alda Dalle Lucche e Giulia Fidenti.

    Le ultime due iniziative, in programma il 2 e il 9 ottobre, propongono, il primo, un evento nella terrazza del Museo San Francesco (ore 16) con le letture dell’undicesimo Canto del Paradiso a cura di Riccardo Starnotti; il secondo una conferenza nella biblioteca comunale (ore 17) con Antonio Natali, già direttore gli Uffizi dal 2006 al 2015, sulle relazioni che intercorrono tra Dante e il Bronzino, autore di un dipinto che raffigura il poeta.

    “Rievochiamo un anno speciale, il 2021, in cui ricorrono i 700 anni dalla morte del Sommo Poeta – commenta l’assessore alla cultura Lorenzo Lotti – con un calendario trasversale, fitto di eventi, che vuole andare oltre i versi più celebri per approfondire i vari aspetti del patrimonio letterario dantesco”.

    “L’intento è quello di far conoscere al pubblico, cittadini e visitatori, – prosegue – la grande meraviglia dell’opera dantesca e il contesto storico e filosofico in cui Dante visse, un’iniziativa che si propone di realizzare un progetto di carattere culturale e divulgativo con l’obiettivo di promuovere e valorizzare gli spazi della cultura del nostro territorio”.

    L’iniziativa è realizzata in collaborazione con il Sistema Museale Chianti Valdarno, il Centro commerciale naturale Le botteghe di Greve e il contributo di Toscana Energia.

    Info: www.comune.greve-in-chianti.fi.it, tel. 055 8545271.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...