spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 28 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Anche una donna, Laura Cioni, candidata alle elezioni 2013 con Il Coraggio di Cambiare

    IMPRUNETA – Era attesa da tempo e, alla fine, è arrivata. Stiamo parlando della nomina dei quattro componenti (il quinto è, di diritto, il proposto della Basilica di Santa Maria all'Impruneta don Luigi Oropallo) del consiglio di amministrazione dell’azienda pubblica di servizi alla persona “Opera Pia Leopoldo e Giovanni Vanni”, sancita il 25 novembre.

     

    Nomine, come detto, molto attese. Per le quali viene fatto un bando pubblico per raccogliere òle candidature ma sulle quali, si sa, la discussione politica (essendo il "nominante" l'amministrazione comunale imprunetina) è molto, molto accesa.

     

    Ed eccoli i quattro nominati dal sindaco Alessio Calamandrei: il dottor Gianni Antonio Galli, 65 anni, imprunetino; Laura Cioni (in foto sopra, in lista alle ultime elezioni amministrative nella lista Il Coraggio di Cambiare, oggi all'opposizione), 51 anni, tavarnuzzina; il dottor Marzio Magherini, 65 anni, imprunetino; il dottor Lorenzo Petretto, 34 anni, fiorentino.

     

    Adesso, compiuti tutti gli adempimenti richiesti dalla legge, il nuovo Cda dell'Opera Pia si riunirà per eleggere il presidente.

     

     

     

     

     

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...