spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 19 Aprile 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Patrizio Mecacci analizza il dato toscano e chiantigiano sul “Gazzettino”

    Sicuramente il fatto che nella "sua" San Casciano Matteo Renzi abbia raccolto il "peggior" successo di tutto il Chianti (ha preso comunque il 50,5% dei voti) riesce a indorare un po' una pillola difficile da buttare giù per chi, bersaniano come lui, da settimane lavora duro sul territorio.

     

    Ma una cosa Patrizio Mecacci (in foto sopra), segretario metropolitano del Partito democratico, la mette subito in chiaro: "Ci aspettavamo un successo di questa portata da parte di Renzi in provincia di Firenze e in Toscana. Anzi, nell'area metropolitana fiorentina si può anche dire che sia andato meno meglio delle previsioni. Anche perché avevamo dei sondaggi che dicevano che anche nella nostra area fiorentina sarebbe arrivato al 60%".

     

    Poi snocciola un po' di dati delle percentuali raggiunte dal sindaco di Firenze: "In provincia di Firenze è al 53,4%, quindi si è fermato prima rispetto ad altre aree. Basta pensare a Siena al 54%, a Pistoia al 57%, a Empoli al 59%, ad Arezzo al 61%".

     

    Insomma, per il bersaniano Mecacci percentuali che nemmeno negli incubi peggiori, ma tant'è… . Adesso c'è da ricaricare le batterie, resettare e partire verso il ballottaggio di domenica 2 dicembre. Che comunque, è sempre bene ricordarlo, accredita il segretario nazionale del Pd Pierluigi Bersani del 44,9% e il sindaco di Firenze (che però sostiene che la forbice sia minore) del 35,5%.

     

    "Avevo da mesi questo sentore – conclude Mecacci – Nichi Vendola? Penso che nelle nostre zone abbia raggiunto un buon risultato".

     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...