spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 30 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Sconfitto 3-1 dalla Crovegli che inaugura al meglio il nuovo impianto sportivo

    Il nuovo palazzetto di Rivalta, inaugurato proprio per la partita di domenica 17 febbaio con Il Bisonte, porta fortuna alla Crovegli, che trascinata dal suo caldissimo pubblico porta a casa lo scontro diretto play off per 3-1 e fa un bel passo avanti in classifica, lasciando le azzurrine a -2 dal settimo posto.

     

    La squadra di Francesca Vannini, che ha sicuramente pagato anche l’assenza per infortunio della sua miglior realizzatrice Bianchini, può recriminare soprattutto per il primo set, in cui si è spenta proprio quando stava giocando meglio ed era in vantaggio per 12-17. Per il resto le reggiane hanno meritato la vittoria, giocando bene e sfruttando al meglio la vena di Belfiore al centro e dell’opposto Aricò.

     

    Francesca Vannini non può utilizzare, almeno all’inizio, Marika Bianchini, che in settimana ha accusato un problema al dito medio della mano sinistra, e schiera Giogoli in palleggio, Biccheri opposto, Giovannelli e Mastrodicasa centrali, Pietrelli e Ward in banda e Lussana libero. Baraldi invece risponde con Lancellotti in palleggio, Aricò opposto, Glod John e Cirilli bande, Rosa e Belfiore al centro e Montanari libero.

     

    L’inizio è equilibrato, poi due punti di Ward portano in vantaggio Il Bisonte al primo time out tecnico (7-8). Giogoli varia molto il gioco, Giovannelli e Pietrelli rispondono presente e le azzurrine salgono con merito 12-17, ma poi Baraldi inserisce Martinuzzo per Rosa e qualcosa si blocca. I turni in battuta di Martinuzzo e Aricò, le grandi difese di Iemmi e qualche errore di troppo delle ospiti producono un 10-1 devastante, e i cambi di Mazzini per Giogoli e Savelli per Biccheri non servono per evitare il 25-20.

     

    Il secondo set si gioca punto a punto fin dall’inizio: c’è spazio anche per un punto del libero Lussana su una difesa, le due squadre si alternano al comando pur non giocando benissimo, ma quando conta è di nuovo Crovegli a scappare: dal 18-17, Glod apre un break di 7-1 che chiude il set, con Il Bisonte di nuovo in balia degli eventi nonostante il cambio Bianchini per Biccheri, con l’infortunio al dito che impedisce a Marika di caricare.

     

    Il terzo set mette in evidenza ancora troppi errori, sia in ricezione che in attacco, de Il Bisonte, e Crovegli ne approfitta per salire 8-3. Entra di nuovo Mazzini per Giogoli, ma le padrone di casa sono irresistibili (14-8). Qui entra Bertone per Mastrodicasa e sul 16-11 stavolta il black out è di Crovegli: sul turno in battuta di Mazzini Il Bisonte piazza uno 0-10, con Baraldi che cambia praticamente tutta la squadra ma non riesce a contrastare gli attacchi di Ward e Biccheri e i muri di Giovannelli (16-21). A quel punto serve mantenere la concentrazione, e Pietrelli chiude 19-25.

     

    Nel quarto rimangono in campo Mazzini e Bertone, ma la partenza è di nuovo marcata Crovegli, soprattutto con il gioco al centro (8-4). Stavolta le padrone di casa non si spengono, e riescono sempre a mantenere un vantaggio confortante, mentre Il Bisonte cala un po’ anche dal punto di vista fisico, e pur non mollando di grinta deve soccombere 25-16.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...