spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Prosegue alla grande l’esperienza di integrazione secondo il “modello sancascianese”

    SAN CASCIANO – Suoni, danze e piatti tipici del mondo. E’ così che le numerose famiglie italiane e straniere, residenti a San Casciano, che fanno parte dell’associazione Cittadini Insieme, si sono riunite nei giorni scorsi per condividere ancora una volta un’importante opportunità di conoscenza reciproca.

     

    Una festa multietnica, fatta di prelibatezze culinarie e musica globale, con quale nello spazio dell’arena entro le mura il gruppo, in collaborazione con il Comune, ha celebrato il secondo anno di vita del percorso di integrazione nato come Forum permanente grazie ad un progetto elaborato dalla giunta Pescini, finanziato dalla Regione Toscana.

     

    “Anche quest’anno una festa riuscitissima con la partecipazione di tantissimi italiani e stranieri – dichiara l’assessore alle politiche per l’Integrazione Veronica Cei (in foto) – è stata apprezzata la formula originale dell’iniziativa che ha alternato musica, piatti tipici e letture, un’occasione per conoscere l'importante realtà nata a San Casciano, fatta di persone determinate e pienamente consapevoli del valore della diversità come strumento e opportunità di arricchimento sul piano umano e culturale”.

     

    Durante la serata, arricchita da un buffet ispirato alle tradizioni gastronomiche di varie nazionalità, si sono esibiti i Dembele del Burkina Faso. L'obiettivo dell’associazione è quello di operare nella partecipazione e nel coinvolgimento della cittadinanza per una coesistenza integrata e multietnica.

     

    Tante le iniziative di successo messe in piedi nel corso dei due anni tra cui “Musica e gusto per l'integrazione”, “Aggiungi un posto a tavola nel mondo” nel corso del quale ogni martedì i cittadini erano chiamati ad inventare e gustare cibi delle singole nazionalità e ricette globali.

     

    Dal gruppo è nata anche una squadra di calcetto multietnica, composta da undici ragazzi dai 19 ai 35 anni di sei diverse nazionalità: Egitto, Albania, Perù, Tunisia, Senegal, Italia. Sono state allestite feste di solidarietà e cerimonie commemorative come l'omaggio in ricordo dei senegalesi uccisi a Firenze nel dicembre 2011.

     

    L'associazione conta settanta iscritti in rappresentanza delle comunità di dodici diverse nazionalità: Perù, Sri Lanka, Cina, Romania, Polonia, Egitto, Spagna, Senegal, Costa D'Avorio, Cile, Algeria e Italia.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...