spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 23 Aprile 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    L’hanno rifatto! Sancarnival, Papi, Becattini e Mori in maschera “local”: stavolta da impresari funebri…

    Il trio, che ormai vanta una tradizione nel mascherarsi da personaggi sancascianesi, stavolta si è superato: eccoli in versione Onoranze Funebri Barbetti (che sono stati simpaticamente al gioco)

    SAN CASCIANO – E’ successo di nuovo, verrebbe da dire, citando una famosa frase di una serie di tre film (“Una notte da leoni”) diventati epici.

    Sabato 24 febbraio, Sancarnival Party, Parco del Poggione a San Casciano. Erano attesi, e non hanno deluso. Anzi.

    Duccio Becattini, Francesco Papi, Stefano Mori. Un tridente da sogno per quanto riguarda il mascherarsi a Carnevale. 

    Con una caratteristica ben precisa, da anni: i travestimenti sono tutti a tema sancascianese. Insomma, incarnano personaggi di paese.

    E per questa edizione 2024 (erano fuori concorso nella “gara” delle maschere al Sancarnival), con la simpatica partecipazione delle Onoranze Funebri Barbetti (che si sono prestate e sono state al gioco con grande disponibilità), eccoli in versione… impresari funebri.

    Del resto, Taffo insegna, si può anche affrontare con ironia una tematica del genere.

    Quindi foto di gruppo di rito e, singolarmente, per apprezzare ancora meglio le somiglianze e la cura dei dettagli.

    Qui sotto invece trovate alcuni dei travestimenti diventati “iconici” del dinamico trio sancascianese.

    Sesto e i suoi cani, i parrucchieri di San Casciano, i personaggi della casa del popolo di via dei Fossi, i ristoratori sancascianesi… . 

    Ma ce ne sarebbero tanti altri: molti anni fa, a sorpresa, avemmo l’onore anche noi del Gazzettino del Chianti.

    Quindi, cosa dire, appuntamento al 2025. E chissà cosa potranno inventarsi… .

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...