spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Tradizionale (e attesa) passerella delle ragazze durante “Due Paesi in Festa”

    SAN PANCRAZIO (SAN CASCIANO) – In occasione di “Due Paesi in Festa", rassegna meglio conosciuta la Sagra della Brioche con Gelato Artigianale (giunta alla sua 26esima edizione), ritorna  il concorso di Miss Italia.

     

    Nel meraviglioso Parco della Rimembranza davanti alla Pieve di San Pancrazio, ragazze gia’ selezionate da precedenti casting, si sfideranno lunedì 8 luglio per la conquista della fascia di Miss Wella: la vincitrice accederà di diritto alla semifinale regionale in programma ad agosto.

     

    Si inizierà alle 21.30, con le splendide aspiranti miss provenienti da tutta la regione che saranno presentate da una voce storica del concorso come Raffaello Zanieri. Dopo le sfilate di rito davanti alla giuria e al pubblico sarà eletta la vincitrice. Le concorrenti sfileranno prima in abiti  e successivamente con il classico body dello sponsor .

     

    Ad occuparsi dell’organizzazione dell’intero cartellone delle selezioni 2013 di “Miss Toscana” come avviene ormai da 32 anni, sarà Gerry Stefanelli della “Syriostar”di Montecatini Terme. La buona riuscita del concorso sarà garantita dal lavoro sempre attento e professionale di Alessandro Ferrari con la collaborazione di Alessio Stefanelli e di Giovanni Rastrelli.

     

    L'obiettivo per la Toscana è ripetere la straordinaria edizione del 2012 culminata nell'ultimo atto di Montecatini Terme con la conquista di ben sei titoli nazionali. Le ragazze interessate che vogliono partecipare al concorso possono chiamare la “Syriostar” allo 0572/71779  o al 3357306153. Oppure possono iscriversi direttamente sul sito di Miss Italia www.missitalia.it.

     
     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...