spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 3 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Moriva un anno fa, l’1 maggio: i suoi quadri ospitati dalla sua vecchia farmacia

    C’è un angolo di piazza Pierozzi, nel cuore di San Casciano, dove dalla fine dell’800 fino a pochi mesi fa, era attiva la farmacia Calamandrei. Oggi questa si è trasferita in via dei Fossi, mantenendo sempre l’intestazione “Calamadrei”.

     

    Ebbene il fondo in piazza Pierozzi oggi è in attesa che qualcuno lo rilevi per tornare a servizio della gente. In attesa di questo Francesca, la figlia del dottor Francesco Calamadrei, oggi proprietaria, ha pensato di fare un omaggio al padre, venuto a mancare un anno fa, l'1 maggio 2012, allestendo una mostra di alcune opere all’interno dell’ex farmacia.

     

    Opere che il dottor Calamandrei aveva esposto in gallerie famose per l’Italia: con un desiderio però, quello di allestire una mostra tutta sua nel suo paese, San Casciano. Era già tutto pronto, c’era solo da definire la data, ma purtroppo un altro triste appuntamento cui nessuno può “sfuggire” se lo è portato via.

     

    Ecco allora che la figlia Francesca ha pensato di rendergli omaggio. Proprio lì, in quella farmacia dove per anni il padre è stato a servizio dei sancascianesi, dove tutti si possono fermare a osservare i quadri disegnati dalla fantasia del dottor Francesco Calamandrei.

    di Antonio Taddei

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua