spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 28 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Poste, sopralluogo a Bagno a Ripoli sulla “discesina” resa celebre da Leonardo Pieraccioni

    Nel dicembre scorso un suo post aveva (sorridendo) posto la questione in evidenza: "Fatto primo intevrento con resina antiscivolo. In primavera altri lavori"

    BAGNO A RIPOLI – E fu così che proprio nel giorno del suo compleanno (56 candeline), il sindaco di Bagno a Ripoli Francesco Casini, l’assessore ai lavori pubblici Francesco Pignotti, insieme alla responsabile dell’area immobiliare di Poste Italiane del Centro Nord, l’architetto Giuseppina Mensitiere, hanno fatto un “regalo” a Leonardo Pieraccioni.

    Il cittadino ripolese più conosciuto fra gli oltre 25mila residenti, nel dicembre dello scorso anno si era lamentato pubblicamente, con uno dei suoi post pieni di ironia tutta toscana, della “discesina” dell’ufficio postale del capoluogo.

    # Leonardo Pieraccioni: “Bagno a Ripoli posto più bello del mondo. Ma la discesina delle Poste…”

    “La discesina delle Poste – scriveva – sono una quindicina di metri pendenza 4% che è la nostra spina nel fianco da sempre”.

    “La discesina delle Poste – proseguiva – è ghiacciata anche il 16 d’agosto e ci si scivola come su una pista di pattinaggio ghiacciata e ricoperta di Svitol”

    Oggi il sopralluogo: “Stamani – dice il sindaco – insieme , abbiamo effettuato un sopralluogo alla “discesina” delle Poste a Bagno a Ripoli”.

    “È stato fatto un primo intervento di ripristino della resina antiscivolo della pavimentazione” annuncia.

    “In primavera – conclude – non appena si alzeranno le temperature e con un clima meno piovoso, sarà realizzato un ulteriore intervento per uniformare il percorso di accesso all’ufficio”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...