mercoledì 14 Aprile 2021
Altre aree

    Barberino Tavarnelle: arrestato un 23enne per furto in un esercizio commerciale

    Insieme ad altri soggetti (che sono riusciti a darsi alla fuga), aveva portato via merce per un valore di 900 euro, togliendo dagli articoli i dispositivi antitaccheggio

    BARBERINO TAVARNELLE – Nel pomeriggio di ieri, mercoledì 7 aprile, i carabinieri della Stazione di San Casciano sono intervenuti presso un esercizio commerciale nel comune di Barberino Tavarnelle (supermercato nella zona al confine con il comune di Poggibonsi), arrestando un 23enne cittadino di nazionalità rumena.

    Che, insieme ad altri soggetti (che sono riusciti a darsi alla fuga), aveva portato via merce per un valore di 900 euro, togliendo dagli articoli i dispositivi antitaccheggio.

    L’uomo è stato bloccato dopo aver oltrepassato le casse dal personale della vigilanza interna, e in seguito posto in arresto e trattenuto presso le camere di sicurezza di Scandicci in attesa del giudizio direttissimo.

    A seguito del patteggiamento, l’uomo è stato condannato a 6 mesi di reclusione e rimesso in libertà.

    E’ stato anche sanzionato per la violazione della normativa di contenimento della diffusione della pandemia.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...