giovedì 16 Luglio 2020
Altre aree

    Stress, ansia, videogiochi, routine ed emozioni: relazioni genitori-figli in tempi Covid

    Educare nell'emergenza: i comuni rilanciano un maggio di incontri online a sostegno della genitorialità

    GREVE IN CHIANTI-SAN CASCIANO-BARBERINO TAVARNELLE – Il progetto di sostegno ai percorsi della genitorialità, rivolto alle famiglie residenti nei tre Comuni dell’Unione del Chianti Fiorentino, continua a produrre occasioni di scambio, confronto e riflessione sui temi che interessano l’educazione e le relazioni familiari.

    Dalla prima alla seconda fase, dall’isolamento domiciliare alle prime passeggiate in solitaria o con figli, condizionate dall’utilizzo obbligatorio delle mascherine e dal rispetto dei criteri del distanziamento sociale.

    Nel difficile passaggio da un contesto all’altro della crisi epidemiologica, scandito dai decreti ministeriali, in cui la morsa del lockdown si allenta ma non la soglia di attenzione, il denominatore comune del vivere al tempo vigile del Coronavirus resta invariato: la riduzione ai minimi storici di quella necessaria condizione esistenziale che si chiama socialità e l’impatto che essa genera sulle tante emozioni, luci e ombre, opportunità e criticità, che genitori e figli si trovano costretti a gestire nella paura del contagio e nell’incertezza per il futuro.

    Dopo il successo del carnet sperimentale di videoconferenze “Educare nell’emergenza”, che ha registrato l’iscrizione di oltre 100 persone, i Comuni di Barberino Tavarnelle, Greve in Chianti e San Casciano formulano una seconda edizione della proposta virtuale per il mese di maggio.

    Quattro incontri on-line, dal 6 al 27 maggio, in cui le competenze di 8 professionisti, tra psicologi psicoterapeuti, pedagogisti, logopedisti, neuropsichiatri e docenti universitari, si intrecciano con le esperienze e le richieste di consulenza gratuita dei cittadini.

    “L’esito dei primi incontri digitali, allestiti sulla piattaforma Cisco Webex – commentano le assessore alle politiche educative Marina Baretta, Maria Grazia Esposito ed Elisabetta Masti – è stato talmente positivo che ci ha stimolato a continuare il percorso che si alimenta del contatto diretto tra i partecipanti e i relatori, lo spazio che abbiamo costruito grazie alla disponibilità dei professionisti consente di instaurare un filo diretto e la possibilità di dialogare ponendo domande, esprimendo considerazioni e riflessioni, ricevendo utili indicazioni dal team dei professionisti coinvolti”.

    Il programma di maggio si apre mercoledì 6 maggio con l’intervento della psicologa Cristina Casanoviche condividerà con il pubblico la trattazione del tema “Affrontare ansia e stress al tempo del Coronavirus: come nutrire la nostra salute psicofisica”. Sarà presente anche il coordinatore pedagogico Paolo Borin.

    L’argomento scelto per l’appuntamento successivo, in programma il 13 maggio, è la gestione del tempo libero da parte degli adolescenti. Se ne parlerà insieme alla neuropsichiatra Giuseppina Giuliacci e alla psicologa Sofia Canapini dell’azienda USL 10 Firenze.

    Terzo incontro on-line è quello che il 20 maggio pone al centro l’aspetto dello stare a casa con i figli, tra emozioni, relazioni e routine. Ad esporre il tema sono tre professioniste: le psicologhe psicoterapeute Elisa Franchi e Giulia Mori e la logopedista Azzurra Morrocchesi.

    Il progetto “Educare nell’emergenza” si conclude il 27 maggio con la professoressa Maria Rita Mancaniello, docente dell’Università degli Studi di Firenze, alla quale è affidato il compito di esplorare il ruolo dei videogames nell’età dello sviluppo. L’intervento della professoressa porterà all’attenzione un’indagine che esamina nello specifico luci e ombre della ludicità tecnologica nell’infanzia e nell’adolescenza. Sarà connesso anche il coordinatore pedagogico Paolo Borin.

    Gli incontri sono gratuiti e vi si potrà accedere contattando l’Ufficio Stampa dei Comuni dell’Unione del Chianti Fiorentino [email protected]. Effettuata la richiesta di iscrizione, sarà inviato il link di accesso all’incontro.

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...