spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 2 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Castelnuovo Berardenga: il Comune conferma agevolazioni ed esenzioni per la Tari

    Previste riduzioni per categorie colpite dal Covid e famiglie in difficoltà. Il sindaco: "Grazie alle risorse statali destinate all'abbattimento della tariffa e a fondi propri"

    CASTELNUOVO BERARDENGA – Sul fronte della Tari, Tassa sui rifiuti, il Comune di Castelnuovo Berardenga si conferma vicino agli esercizi commerciali e alle famiglie, soggetti già colpiti dal Covid-19, rafforzando le agevolazioni già stanziate lo scorso anno e riducendo gli incrementi previsti dall’ATO Toscana Sud a seguito dell’inserimento del metodo di calcolo ARERA.

    La determinazione della Tari per il 2021, insieme al regolamento e alla presa d’atto del Piano economico e finanziario del servizio rifiuti, è stato uno dei punti al centro del consiglio comunale che si è svolto ieri, mercoledì 30 giugno, nell’Auditorium di Villa Chigi nel rispetto delle norme anti Covid.

    Nel corso della seduta, inoltre, sono state approvate alcune variazioni al bilancio di previsione e al piano delle opere pubbliche per il triennio 2021-2023; il Piano comunale di Protezione civile e il conferimento della cittadinanza onoraria al Milite Ignoto, accogliendo la proposta di Anci per rendere simbolicamente omaggio ai caduti di tutte le guerre nel centenario della tumulazione dello stesso Milite Ignoto, che ricorrerà il 4 novembre 2021.

    “A fronte di un aumento del corrispettivo Tari per Castelnuovo Berardenga previsto dal Piano economico e finanziario di ATO Toscana Sud dopo l’inserimento del metodo di calcolo ARERA – spiega il sindaco di Castelnuovo Berardenga, Fabrizio Nepi – il Comune è riuscito ad annullare quasi totalmente l’incremento grazie a una variazione di bilancio”.

    “La riduzione – sottolinea – è stata possibile grazie alle risorse statali destinate all’abbattimento della tariffa e a fondi propri. Con questo intervento, inoltre, l’amministrazione comunale potrà abbattere dal 25 al 30 per cento le tariffe degli esercizi commerciali, delle strutture ricettive e delle attività della ristorazione colpite dalle conseguenze dell’epidemia da Covid-19 con periodi di chiusura differenziati e potrà confermare le esenzioni già introdotte lo scorso anno per famiglie con Isee inferiore a 13mila euro”.

    “Un’iniziativa importante – puntualizza – per ribadire la vicinanza del Comune al tessuto economico e sociale locale, messo a dura prova dalla pandemia”.

    Il nuovo regolamento della Tari, la tariffa per il 2021 e il Piano economico e finanziario di ATO Toscana Sud sono stati approvati a maggioranza.

    Variazioni di bilancio e investimenti su tutto il territorio

    Il consiglio comunale, inoltre, ha approvato alcune variazioni al bilancio di previsione e al piano delle opere pubbliche per il triennio 2021-2023 per complessivi 350mila euro, tenendo conto di risorse proprie derivanti dall’avanzo di amministrazione e di contributi in arrivo dalla Regione Toscana e dal Gal Leader Siena.

    I fondi a disposizione andranno a finanziare la riqualificazione delle mura di San Gusmè e altri interventi di valorizzazione del borgo, la manutenzione di scuole e cimiteri, oltre ai lavori già previsti per l’anno in corso, e la nuova pavimentazione in via dell’Arco e via Garibaldi.

    L’amministrazione comunale, inoltre, sta aspettando la conferma del finanziamento che permetterà il rifacimento della facciata del palazzo comunale e il completamento di alcuni interventi interni al municipio.

    Le variazioni al bilancio di previsione e al piano delle opere pubbliche sono state approvate a maggioranza.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...