spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 5 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Le lezioni mirano a rendere consapevole l’autista dei limiti fisici che regolano l’utilizzo delle vetture

    FIRENZE – Al via all’Autodromo del Mugello il corso di guida sicura ed aggiornamento di guida veloce per l'Arma dei carabinieri.

     

    Un’importante iniziativa nata nel solco di una collaborazione che da sempre caratterizza i rapporti fra l’impianto sportivo motoristico e l’Arma dei carabinieri, come ha precisato l’amministratore delegato del Mugello Paolo Poli.  

     

    Il corso di guida sicura ed aggiornamento di guida veloce che viene proposto è realizzato sulla base della più moderna didattica relativa alla guida sicura e guida di emergenza, adottata dalla totalità delle strutture che operano nel settore, e che hanno concorso alla formazione di alcuni istruttori di guida veloce dell'Arma dei carabinieri.

     

    Il corso ha molteplici finalità che insieme concorrono a rendere consapevole l'autista dei limiti fisici che regolano l'utilizzo delle vetture, dei limiti psicofisici individuali e dei limiti che si creano in contesti operativi di emergenza e in situazioni climatiche estreme.

     

    Nell'ambito delle finalità del corso, l'autista al termine delle attività teoriche e pratiche sarà in grado di sfruttare al meglio le proprie capacità di guida, consapevole dei limiti individuali e dei mezzi che realmente andrà ad utilizzare; parte degli esercizi saranno infatti eseguiti con le “gazzelle” dell’Arma, autovetture a trazione anteriore e motorizzazione sovralimentata a gasolio.

     

    Insegnare all'autista il corretto metodo di guida di vetture di nuova assegnazione, dotate di semiblindatura, di scarsa visuale laterale, con coppia e potenza distribuite su arco di erogazione più corto rispetto al benzina e dotate soprattutto di cambio a 6 rapporti in luogo del classico 5 rapporti, dotate di elettronica sofisticata (Alfa 159) ed assistenza alla guida non escludibile (Fiat Bravo), pone lo stesso in condizione di essere "padrone del mezzo"  e consapevole del corretto modo di utilizzo.

     

    Il corso di guida sicura e di emergenza non è un corso di guida sportiva in pista, e da questo differisce in tutto.

     

    L'autista al termine delle attività avrà acquisito le giuste tecniche per prevedere e quindi evitare che si creino situazioni di pericolo alla guida (sovrasterzo e sottosterzo, errori in ingresso ed in uscita di curva, errata valutazione degli spazi di arresto ed errata valutazione della velocità adeguata) ed avrà altresì acquisito il corretto metodo per fronteggiare situazioni di pericolo derivanti da comportamenti altrui (evitare ostacoli fissi o mobili).

     

    Il corso farà in modo che l'autista avrà ben chiaro il concetto di guida in sicurezza, di assoluta accortezza nell'arrivo a destinazione e di arrivo sul luogo dell'intervento in condizioni psicofisiche ottimali per l'inizio delle attività operative.

     

    Il corso (con una parte pratica presso la sala briefing del Mugello ed una pratica presso il piazzale abitualmente utilizzato per iniziativa di questa natura) è dedicato ai militari in servizio presso i Nuclei Radiomobili dell’Arma di tutta la Toscana.

     

    Il comandante provinciale dei carabinieri di Firenze, nel ringraziare il dotto Poli, ha sottolineato come la collaborazione con l’Autodromo del Mugello abbia consentito di raggiungere risultati davvero rilevanti, che accrescono la sicurezza e l’efficacia del servizio di Pronto Intervento 112 dell’Arma.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua