spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 27 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Foibe ed esodo giuliano-dalmata: il Chianti fiorentino celebrerà così il Giorno del Ricordo

    Conferenza digitale con l’intervento dello storico Simone Malavolti dell’associazione pAssaggi di Storia: on line dal canale YouTube del Comune di San Casciano alle ore 17

    SAN CASCIANO – Un giorno speciale, un Giorno dedicato al Ricordo: in memoria delle vittime delle Foibe e dell’esodo giuliano-dalmata del confine orientale.

    Domani, mercoledì 10 febbraio, l’Unione comunale del Chianti fiorentino commemora un’importante ricorrenza che rievoca vicende drammatiche della storia del nostro paese.

    Dal canale YouTube del Comune di San Casciano, alle ore 17, sarà trasmesso in forma live un approfondimento storico curato dello storico Simone Malavolti dell’associazione pAssaggi di Storia.

    Il tema su cui è focalizzata la conferenza è “Storia del confine orientale: maneggiare con cura”.

    L’iniziativa, diffusa anche attraverso le pagine Facebook istituzionali, è promossa dai Comuni dell’Unione (San Casciano, Greve in Chianti e Barberino Tavarnelle) in collaborazione con l’associazione culturale Sgabuzzini storici di San Casciano.

    La conferenza si svolgerà con i contributi e la partecipazione dei rappresentanti delle amministrazioni comunali.

    La Repubblica riconosce il 10 febbraio quale “Giorno del ricordo” al fine di conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell’esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...