mercoledì 3 Marzo 2021
Altre aree

    Ausl Toscana Sud Est: arrivata la nuova fornitura di fiale del vaccino anti-Covid di Pfizer-Biontech

    Nelle province di Siena, Arezzo e Grosseto vaccinate in prima dose 12.708 persone: di queste, 1.950 hanno già ricevuto la seconda dose

    SIENA – Sono state consegnate questa mattina, martedì 26 gennaio, ai due ospedali Covid dell’Asl Toscana Sud Est di Arezzo e Grosseto le nuove forniture di fiale del vaccino anti-Covid Pfizer-Biontech.

    Come nelle precedenti due spedizioni sono arrivate 390 fiale per ogni ospedale, per un totale di 4.680 dosi vaccinali divise per due provincie (2.340 a Grosseto, 2.340 ad Arezzo).

    Per Siena i vaccini vengono consegnati all’ospedale di Santa Maria alle Scotte.

    Qui sono arrivate 585 fiale (che saranno gestite tra Asl Tse e Azienda ospedaliero-universitaria Senese) per un totale di 3.510 dosi.

    Il programma di vaccinazione del personale sanitario e degli ospiti delle Rsa prosegue, quindi, regolarmente.

    Ad oggi le persone vaccinate dall’Asl Tse in provincia di Siena sono 3.697 (1.405 ospiti Rsa e 2.292 operatori sanitari, dato che non comprende i vaccinati al policlinico delle Scotte).

    Ad Arezzo 5.529 (1.331 ospiti Rsa e 4.198 operatori sanitari), 3.482 in provincia di Grosseto (785 ospiti Rsa e 2.697 operatori), in totale 12.708 nelle tre province.

    Accanto alla somministrazione della prima dose prosegue anche la campagna di vaccinazione con la seconda dose.

    In tutta l’Asl Tse sono 1.949 coloro che hanno completato il percorso vaccinale (387 a Siena, cui vanno aggiunti i numeri delle Scotte, 928 ad Arezzo, 634 a Grosseto), di questi 457 sono ospiti delle Rsa.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...