mercoledì 8 Luglio 2020
Altre aree

    “Educare nell’emergenza”: oggi alle 17 “Videogiochi nell’età dello sviluppo”. Come partecipare

    Sarà presente la professoressa Maria Rita Mancaniello, docente dell'Università degli Studi di Firenze che esplorerà il ruolo dei videogames nell'età dello sviluppo

    SAN CASCIANO – “Educare nell’emergenza”: oggi alle 17 si parla di “Videogiochi nell’età dello sviluppo”.

    Un nuovo appuntamento del percorso a sostegno della genitorialità “Educare nell’emergenza”, promosso congiuntamente dai Comuni di San Casciano, Barberino Tavarnelle e Greve in Chianti.

    Questo pomeriggio alle 17 si parlerà dello spazio intellettivo e psicologico che i giochi on line occupano nella vita e nell’età dello sviluppo dei bambini e dei ragazzi.

    Maria Rita Mancaniello

    Sarà presente la professoressa Maria Rita Mancaniello, docente dell’Università degli Studi di Firenze che esplorerà insieme ai genitori, agli insegnanti, agli educatori il ruolo dei videogames nell’età dello sviluppo.

    L’intervento della professoressa porterà all’attenzione un’indagine che esamina nello specifico luci e ombre della ludicità tecnologica nell’infanzia e nell’adolescenza.

    Tra i relatori anche il coordinatore pedagogico Paolo Borin.

    Per accedere, cliccare su questo link.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...