spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 23 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Abolizione reddito di cittadinanza, parere contrario della Regione Toscana

    “Il Governo continua a fare la guerra ai poveri invece che alla povertà" ha detto l’assessora Serena Spinelli in Conferenza delle Regioni

    FIRENZE – Questa mattina l’assessora regionale alle politiche sociali Serena Spinelli ha partecipato alla seduta della Commissione politiche sociali della Conferenza delle Regioni.

    Ed ha espresso il parere contrario della Regione Toscana sul Decreto legge del Governo che, dal 2024, abolisce il reddito di cittadinanza sostituendolo con due nuove misure, l’Assegno di inclusione – ADI (riservato solo a nuclei familiari con minori, persone con disabilità, over 60 e con Isee inferiore a 9.360 euro) e il Supporto per la formazione e il lavoro – SFL (destinato ai soggetti ‘occupabili’, cioè a chi ha tra i 18 e i 59 anni ed ha ISEE inferiore a 6.000 euro).

    “Il Governo continua a fare la guerra ai poveri invece che alla povertà – ha detto l’assessora – Dopo aver azzerato il fondo per i contributi agli affitti, continua a far cassa tagliando ancora risorse alla lotta alla povertà, proprio mentre questa continua a crescere e a minacciare un numero sempre più grande di persone”. 

    “Come Regioni – prosegue – abbiamo presentato una serie di emendamenti tecnici, ma che si limitano solo ad evitare le criticità più evidenti che rischiano di ricadere sui cittadini e di mettere in crisi i servizi sociali territoriali. Auspichiamo che vengano accolti, ma in ogni caso la valutazione resta del tutto negativa”.

    “Con questo decreto – spiega Spinelli – si restringe la platea dei beneficiari, si riducono gli importi e, di fatto, si tagliano fuori migliaia di persone e famiglie fragili, senza preoccuparsi di come potranno andare avanti dopo, creando nuove sacche di marginalità e di esclusione, in nome di una loro presunta occupabilità sul mercato del lavoro”.

    “Una misura di contrasto alla povertà – sottolinea – è tale se è garantita a chiunque ne abbia bisogno e fino a quando tale condizione di bisogno non sia effettivamente superata”.

    “Il Governo – accusa Spinelli – va nella direzione opposta, quella per cui la la povertà è una colpa e non una responsabilità collettiva, per cui le disuguaglianze sono qualcosa da accettare e non da eliminare”.

    “Allo stato attuale del Decreto – è la riflessione dell’amministrazione regionale – in Toscana già a luglio oltre 3.800 persone rischiano di restare senza sostegno”.

    “Per il 2024 poi – viene sottolineato – le stime di Irpet indicano una riduzione di oltre 26mila beneficiari, per 31 milioni euro complessivi, con effetti ancora più pesanti negli anni successivi”.

    “Tutto questo – rilancia l’assessora –  senza prevedere un rafforzamento dei servizi e dei percorsi di accompagnamento, di inclusione sociale e lavorativa, necessari per una reale prospettiva di emersione da situazioni disagio e di povertà”.

    “In Toscana – conclude Spinelli – vogliamo continuare a lavorare insieme a tutti i livelli istituzionali, con il terzo settore e tutte le energie presenti nella comunità, per un sistema di welfare che dia a tutti e tutte sostegno e opportunità, mettendo al centro le persone e senza lasciare indietro nessuno”.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...