spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 2 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Donazione sangue, il presidente Giani scriverà ai 18enni: “Fatelo, è gesto di grande solidarietà”

    "Per invitarli a prendere consapevolezza di quanto la donazione sia fondamentale per consentire alla medicina di progredire e soprattutto di salvare vite”

    FIRENZE – “A tutte le ragazze e i ragazzi toscani che hanno compiuto diciotto anni chiederò un grande gesto di solidarietà, donare sangue e plasma. Lo farò scrivendo loro una lettera per invitarli a prendere consapevolezza di quanto la donazione sia fondamentale per consentire alla medicina di progredire e soprattutto di salvare vite”.

    Lo ha annunciato il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani che nei giorni scorsi ha partecipato, al Teatro Niccolini di Firenze, alla celebrazione per i 50 anni di Avis Toscana, alla presenza dei presidenti nazionale e regionale dell’Associazione, Gianpietro Briola e Claudia Firenze.

    “Avis – ha detto il presidente nel suo intervento di saluto – non è solo un’organizzazione di  donazione, ma è soprattutto una comunità che si fonda sulla condivisione di valori ideali. Questo è stato chiaro fin dall’inizio, nell’ispirazione che volle dare Bruno Bartoletti, il suo fondatore nell’area fiorentina e toscana. Bruno era un uomo che aveva fatto il consigliere comunale nell’immediato dopoguerra, che ospitò nel 1944 Sandro Pertini, di passaggio a Firenze diretto verso l’Alta Italia”.

    “Un uomo impegnato nella politica, ma che a un certo punto pensò di riversare le sue  energie in questo grande lavoro per organizzare la donazione. Non manco mai – ha ricordato Giani –  di andare a salutarlo ogni primo novembre al cimitero di San Miniato al Monte per rendere omaggio a colui che più di ogni altro ha contribuito a costruire questa grande e bella comunità di cui anche io mi sento e faccio parte, donando almeno una volta all’anno”.

    Alla mattinata di Avis Toscana hanno preso parte anche le assessore al sociale Serena Spinelli e alle pari opportunità Alessandra Nardini e l’assessore al diritto alla salute Simone Bezzini.

    Tutti e tre sono stati chiamati sul palco del Niccolini, insieme ad altri ospiti, ad illustrare il senso di alcune “parole della solidarietà”.

    Volontariato è stata quella scelta da Spinelli (“una grande realtà in Toscana, fatta di persone che spendono con generosità parte del loro tempo per gli altri”), mentre Bezzini ha parlato di salute (“grazie alla donazione si contribuisce a garantire il diritto sancito dall’articolo 32 della Costituzione”) e Nardini di opportunità (“anche i volontari impegnati in Avis lavorano per garantirle a tutte e tutti”).

    Sangue, Avis Toscana: “Boom di giovani tra i donatori, in un un anno oltre 500 in più”

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...