spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 6 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Donna investita e uccisa a Monteriggioni: si è costituito l’investitore

    Dopo le prime ricerche, allargate a tutta le province di Siena, Firenze, e la Toscana: a bordo di un camper, ha detto che pensava di fosse trattato di un animale

    MONTERIGGIONI – Dopo le prime ricerche, allargate a tutta le province di Siena, Firenze, e la Toscana, si è costituito l’uomo che mercoledì pomeriggio, in via Uopini a Monteriggioni, ha investito e ucciso una donna.

    Di 85 anni, è stata travolta verso le 16 da un mezzo che procedeva in direzione Uopini, che si è subito allontanato. I passanti hanno chiamato il 112 e, di lì a poco, sono arrivati i soccorsi.

    Il 118 non ha potuto che constatare il decesso della donna mentre i carabinieri della Stazione di Monteriggioni hanno proceduto ai rilievi per capire la dinamica dell’accaduto ed iniziare le ricerche del responsabile.

    Infatti, raccolti i primi elementi, i militari si sono messi subito al lavoro visionando i filmati delle telecamere della zona.

    I sospetti degli inquirenti si sono sin da subito incentrati su due mezzi, un camper ed un furgone, ripresi dal sistema di videosorveglianza per aver transitato per la via suddetta nei minuti a ridosso del tragico evento.

    Mentre i carabinieri di Monteriggioni, in collaborazione con i colleghi della Compagnia di Poggibonsi, stavano stringendo il cerchio che avrebbe portato alla individuazione del responsabile dell’accaduto, un uomo di 50anni, senese, si è presentato spontaneamente presso il comando provinciale dei carabinieri di Siena.

    Dove ha sostanzialmente ammesso la responsabilità in ordine al tragico evento, riferendo che, nel percorrere la strada con il proprio camper, avrebbe sentito un tonfo.

    Supponendo inizialmente di aver investito un animale selvatico (così avrebbe detto ai militari), cosa che gli era già capitata in passato e, pertanto, aveva continuato la marcia.

    Solo dopo qualche ora, appresa la notizia del decesso della donna dai social, avrebbe realizzato la sua possibile responsabilità in ordine all’investimento pedonale, decidendo di presentarsi presso il comando dell’Arma per raccontare l’accaduto.

    I carabinieri hanno, pertanto, sequestrato il mezzo, sottoposto ad accertamenti tossicologici l’uomo e ritirata la patente, deferendolo in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Siena per omicidio stradale ed omissione di soccorso.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...