spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 6 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Incendi, prorogato al 19 settembre il divieto assoluto di abbruciamenti in Toscana

    Resta esclusa la cottura di cibi in bracieri e barbecue situati in abitazioni o pertinenze o all'interno delle aree attrezzate

    FIRENZE – E’ prorogato fino a domenica 19 settembre su tutta la Toscana il divieto assoluto di abbruciamento di residui vegetali agricoli e forestali (potature, sfalci, ecc) e il divieto di effettuare qualsiasi accensione di fuochi.

    Resta esclusa la cottura di cibi in bracieri e barbecue situati in abitazioni o pertinenze o all’interno delle aree attrezzate.

    La proroga si è resa necessaria per la grave situazione che vede perdurare condizioni meteo climatiche caratterizzate da scarse precipitazioni con generali condizioni di siccità e conseguente forte stress idrico anche della vegetazione di grandi dimensioni.  

    “Raccomandiamo la massima attenzione”, ha detto la vicepresidente e assessora all’agroalimentare Stefania Saccardi.

    “Un comportamento non corretto – rimarca – imprudente o superficiale può dar luogo ad un danno ambientale elevato sia per i boschi sia per la sicurezza dei cittadini e per l’economia di tutte quelle attività agricole e turistico ricettive che vivono nell’ambiente agricolo-forestale”.

    “Invitiamo pertanto gli imprenditori agricoli e i privati cittadini – conclude Saccardi – a tenere comportamenti prudenti”.

    La mancata osservanza del divieto di abbruciamento comporta l’applicazione di pesanti sanzioni previste dalle disposizioni in materia.

    Si sottolinea l’importanza di segnalare tempestivamente eventuali focolai al numero verde 800425425 della Sala operativa della Regione Toscana o al 115 dei Vigili del Fuoco.

    Vai alle pagine dell’organizzazione Aib

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...