spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 14 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Riparte la kermesse di Miss Toscana (verso Miss Italia): primo casting al Don Carlos sabato 25 maggio

    Alessio Stefanelli: "Torniamo al lavoro con entusiasmo per onorare la memoria di mio padre Gerry. Da giugno il cartellone delle selezioni"

    TOSCANA – Riparte la grande avventura di Miss Toscana 2024, un percorso lungo decine e decine di selezioni che porterà alla finale regionale di fine agosto e al lasciapassare per le ragazze del Granducato verso le pre-finali e la finalissima di Miss Italia 2024.

    Il concorso di bellezza più longevo e più rappresentativo del nostro Paese torna con una nuova edizione all’insegna del ricordo del personaggio che ha lavorato tantissimo per far diventare grande questa manifestazione sia a livello toscano che nazionale, Gerry Stefanelli.

    Il figlio Alessio Stefanelli e tutto lo staff hanno deciso di continuare con rinnovato entusiasmo l’opera di Gerry.

    E, in attesa di stilare il cartellone delle selezioni (nel nostro territorio di solito si apre subito con quella alla sagra della frittella fior di cascia alla Sambuca), si parte come da tradizione con un casting per le ragazze.

    Organizzato sabato prossimo 25 maggio alla discoteca Don Carlos di Chiesina Uzzanese, con inizio alle ore 14.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...