spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 23 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Sanità: “A Firenze un medico su due usa Whatsapp per ricette e consigli”

    La ricerca dell'Ordine dei Medici: per metà dei professionisti boom dopo la pandemia. Ma per molti "è diventata un'invasione della sfera privata"

    FIRENZE – La pandemia ha incrementato l’uso di app di messaggistica con i pazienti per quasi un medico su due (il 47,6%).

    Su Whatsapp vengono mandate prescrizioni, valutati esami e dati consigli terapeutici. 

    Oggi 8 dottori su 10 hanno un contatto con gli assistiti tramite smartphone, ma per molti “tutto questo è diventato un’invasione della propria sfera privata”. Poco usata l’email

    E’ quanto emerge da un sondaggio condotto nel 2022 dall’Ordine dei Medici chirurghi e odontoiatri di Firenze, tramite un questionario diffuso ai propri iscritti.

    I risultati sono stati presentati a Firenze in occasione dell’evento “La Messaggistica Istantanea nell’esercizio della Professione Medica”. Il questionario e l’analisi dei dati sono stati realizzati dal laboratorio universitario DataLifeLab dell’Università degli studi di Firenze e dagli esperti della cooperativa Retesviluppo.

    “La messaggistica tramite cellulare – dice Pietro Dattolo, presidente dell’Ordine dei Medici e degli Odontoiatri di Firenze e provincia – permette di dare in tanti casi risposte rapide e tempestive ai pazienti, sciogliendo dubbi e timori, andando incontro alle esigenze più varie”.

    “E’ importante tuttavia – rimarca – non perdere di vista il confronto umano, di persona, che resta il centro di questa professione. Occorre anche porre attenzione al tema della privacy e restare aggiornati sulle nuove opportunità di comunicazione che si presenteranno nei prossimi anni per essere sempre al fianco della popolazione e nei loro bisogni di cura”.

    I numeri

    Hanno risposto all’indagine 1.541 professionisti di cui 814 di sesso maschile e 727 femminile, con un’età media di 55 anni.

    Per quanto riguarda la specializzazione, la maggioranza dei professionisti che hanno risposto sono nell’Odontoiatria (141), Ginecologia e Ostetricia (78), Pediatria (71), Anestesia e Rianimazione (60), Psichiatria (59), Cardiologia (58).

    Tra i partecipanti, 442 sono dipendenti pubblici, 561 liberi professionisti, 259 medico di medicina generale, 38 pediatri di libera scelta, 74 pensionati, 65 specializzandi/tirocinanti, 44 universitari.

    Il numero degli assistiti è molto variegato, con una media di 1.271,6; mentre il numero di pazienti visitati in media è di 83,4, di cui sempre in media 46,2 sono le visite settimanali ambulatoriali. 

    Il 79,2% dei medici ha detto di comunicare con i pazienti attraverso i cellulari. E il 22,6% ha affermato di possedere più di uno smartphone, 28 professionisti non ne hanno neppure uno. 

    Il 31,8% utilizza un cellulare esclusivamente dedicato al lavoro, spesso sono i pediatri. I giovani, più degli altri, riescono a tenere due smartphone separati nelle loro vite quotidiane. 

    Secondo l’indagine ormai appena lo 0,6% dei medici comunica con i pazienti solo verbalmente. Mentre l’email è adoperata solo dal 6,6% degli intervistati, risultando, quindi, una soluzione poco proficua. 

    App e messaggistica

    Whastapp è l’app di comunicazione in assoluto più utilizzata (dall’84,3%). Gli sms tradizionali sono mandati dal 50,9 dei medici, mentre solo il 14,5% usa Telegram o Messenger.

    Dal sondaggio risulta che Whatsapp viene sfruttato per comunicare con i pazienti dal 53,9% dei medici, per fissare appuntamenti dal 39,8%, per inviare prescrizioni dal 20,7%, per valutare esami e dare consigli terapeutici a pazienti dal 42% e per scambiare informazioni cliniche dei pazienti con i colleghi dal 56,1%. Il 7,8% dei medici ha scoperto le app proprio durante l’emergenza pandemica.  

    In media, la messaggistica istantanea risulta essere però anche invasiva nella privacy e nella sfera privata di un medico. 

    Ad avvertire molto questa invasione sono soprattutto chirurghi, ematologi, endocrinologi, geriatri, ginecologi, medici legali, dello sport, del lavoro, nefrologi, neurologi, pediatri e psichiatri.

    Dal sondaggio appaiono anche delle lacune sulle conoscenze in tema di privacy: quasi la metà dei medici (47,7%), negli ultimi 3 anni non ha partecipato ad un corso di formazione sul trattamento/consenso dei dati.

    All’incontro ha partecipato, tra gli altri, il professor Ivan Cavicchi, Sociologo dell’Università di Tor Vergata di Roma, che ha analizzato le implicazioni sociologiche nell’uso della messaggistica istantanea nella comunicazione medico-medico e medico-paziente.

    Ha discusso dei risvolti e implicazioni medico-legali il professor Massimo Martelloniconsigliere Ordine dei Medici e degli Odontoiatri di Firenze, già direttore UOC Medicina Legale e CRM Lucca e Membro della Commissione Regionale Toscana di Bioetica.

    Mentre il dottor Antonio Panti, Past President OMCeO Firenze già membro consulta nazionale FNOM, si è soffermato sul tema della deontologia e comunicazione.

    A presentare i dati Lapo Cecconi ed Ester Macrì, presidente di ReteSviluppo Firenze.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...