mercoledì 28 Ottobre 2020
Altre aree

    Estate al Pozzo dell’Oblìo a Panzano fra musica, cibo e libri: oggi incontro con Renato Stopani

    Alle 16.30 lo scrittore presenterà il suo ultimo libro dal titolo "Panzano com'era": un'occasione rivolta soprattutto ai più giovani per conoscere la storia del "loro" paese

    PANZANO (GREVE IN CHIANTI) – In compagnia di Vino al Vino, sono in programma due appuntamenti di fine estate a Panzano in Chianti.

    Sabato 19 settembre si è svolta una bellissima serata all’aperto piatti tipici, bevande, cocktail.

    Ospiti della serata “I sonatori a bacìo”che si sono esibiti con musica popolare europea.  

    Sul palco Michele Redaelli, voce narrante del gruppo, Doriano Bordoni al basso, Donatella Elisacci voce, Romeo Gatti, voce e chitarra battente, Nicola Neri voce, flauti e chitarre.

    Oggi, domenica 20 settembre, l’appuntamento è per le 16.30 con lo scrittore e storico Renato Stopani che presenterà il suo ultimo libro dal titolo “Panzano com’era”

    Un’occasione rivolta anche ai più giovani che potranno, attraverso le pagine dell’autore, scoprire e conoscere storie, personaggi e luoghi  di Panzano intorno agli anni Cinquanta.

    A seguire è previsto anche un itinerario guidato con mostra fotografica alla scoperta di antiche botteghe e abitazioni di Panzano.

    Girando le strade del paese si troveranno, dunque, le immagini che riproducono i luoghi stessi nel tempo passato.

    Alle 18 si concluderà al Pozzo dell’Oblìo con il concerto della straordinaria Filarmonica “Giuseppe Verdi” di Panzano.

    Le iniziative, promosse dalla casa del popolo di Panzano e dall’associazione culturale Tiravento si svolgeranno nel rispetto delle normative vigenti in materia di sicurezza e tutela della salute.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...