spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 28 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Le quattro installazioni “battezzate” dal sindaco di Greve e dal presidente della Provincia

    Prendi quattro artisti, le colline e i colori del Chianti, la calma di poter vivere immersi nella natura per un mese e poter creare le proprie opere: questo è “UItima fermata: Greve in Chianti!”, mostra/installazione inaugurata sabato 1° dicembre alla Macina San Cresci di Greve in Chianti, alla presenza del presidente della Provincia di Firenze Andrea Barducci, del sindaco di Greve Alberto Bencistà, del suo vice Paolo Sottani.
     

    La Macina San Cresci di Greve, in collaborazione con la Provincia di Firenze e il Comune di Greve in Chianti, ha lanciato un concorso internazionale per ospitare quattro artisti per un mese. 435 le candidature giunte nel Chianti: 34 dall’Italia e 419 da altri Paesi.
     

    Le opere frutto del periodo di residenza dei quattro artisti che si sono aggiudicati la possibilità di vivere un mese nel Chianti fiorentino sono in mostra alla Macina San Cresci (ingresso libero, a 2 km da Greve in Chianti) fino al 31 dicembre. All’inaugurazione della mostra ha partecipato anche il Presidente della Provincia di Firenze, Andrea Barducci.
     

    Gli artisti e le opere
     

    David McQueen, vive e lavora a New York.  Ha lavorato in esterno realizzando  l’opera “Mulino a vento per Leonardo”.
     

    Anna Neizvestnova vive e lavora a Mosca. La sua installazione “Canto III, Limbo”, composta da personaggi e anime di carta è collocata all’interno della Pieve di San Cresci. Si definisce un’artista della carta.
     

    David Hollander vive e lavora in Colorado, dove finiscono le Grandi Pianure e cominciano le  Montagne Rocciose. Le sue opere, all’interno della Macina, s’intitolano “Frammenti deperibili” e sono sculture costruite in argilla non cotta, in modo che il tempo e le azioni delle persone le modifichino naturalmente.
     

    L’installazione di Serena Piccinini, bolognese, rappresenta la migrazione di un raro stormo di Trampolle delle Nevi (Nevricus Lungus) , uccelli fantastici montani e collinari, di piccole dimensioni ma dotati di lunghe zampe per coprire grandi distanze.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...