mercoledì 28 Ottobre 2020
Altre aree

    Montefioralle Divino, ci siamo! Sabato 26 e domenica 27 settembre assaggi e degustazioni

    Nella piazza principale (piazza Santo Stefano) del paese di Montefioralle, il borgo medievale nel comune di Greve in Chianti: il programma completo

    MONTEFIORALLE (GREVE IN CHIANTI) – L’Associazione Viticoltori Montefioralle propone le sesta edizione del festival Montefioralle Divino, con banchi di assaggio per la presentazione e la degustazione dei vini delle aziende associate.

    La pandemia da Covid-19 ha tenuto in sospeso, ma con grande coraggio e attenzione alle regole, l’associazione ha fatto uno sforzo per mettere, ancora una volta, in vetrina vini unici di un territorio unico.

    Quello, appunto, dei vigneti attorno al “Castello” di Montefioralle.

    DATE E ORARI

    L’evento si svolgerà nei giorni di sabato 26 e domenica 27 settembre nella piazza principale (piazza Santo Stefano) del paese di Montefioralle, il borgo medievale nel comune di Greve in Chianti.

    L’orario della manifestazione dalle 11 alle 19 in entrambi i giorni.

    OFFERTA E PREZZI

    Saranno allestiti degli stand nella piazza per permettere ai produttori di esporre e offrire in degustazione i propri vini, il pubblico potrà acquistare all’entrata un calice al costo di 19 euro (scontato a 15 euro se lo acquistaonline sul sito) che gli permetterà di degustare i vini di tutte le aziende espositrici.

    Saranno disponibili i vini Chianti Classico (Annata Riserva e Gran Selezione) e alcuni IGT del territorio.

    Quest’anno non sarà allestito uno stand gastronomico in piazza, ma al fine di ridurre gli assembramenti, i partecipanti potranno trovare proposte gastronomiche al Bar-Circolo di Montefioralle oppure ai due ristoranti “Il Guerrino” e “La Castellana”, che offriranno una proposta continuativa nell’arco della giornata.

    DEGUSTAZIONI GUIDATE 

    Saranno due quest’anno le proposte per una degustazione guidata del giardino di Torre nel Chianti, sopra la piazza, nel cuore storico di Montefioralle.

    La prima si svolgerà sabato 26 settembre alle 11.30 (e in replica alle 15) con la degustazione orizzontale dei Chianti Classico Annata 2017 dei Viticoltori di Montefioralle.

    La seconda vedrà invece protagonisti i Chianti Classico Riserva 2014 e si svolgerà domenica 27 alle 11 (e in replica alle 14.30). 

    Le degustazioni guidate sono a numero chiuso e sono prenotabili dal sito dei Viticoltori di Montefioralle.

    INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI

    La pagina web con i dettagli relativi alla manifestazione e la possibilità di prenotare calice ed eventi è questa.

    PROTOCOLLO COVID-19

    La manifestazione si svolgerà nel rispetto di un piano della sicurezza che include un protocollo a contenere eventuali rischi di contagio per il virus Sars-Cov-2.

    Tra le varie applicazioni: sarà misurata la temperatura a coloro che accederanno alla manifestazione, non sarà ammesso l’utilizzo di sputacchiere, laddove (seppur in esterno) non sia possibile mantenere la distanza interpersonale di almeno un metro sarà necessario indossare la mascherina.

    AZIENDE PARTECIPANTI

    Le aziende partecipanti alla manifestazione sono: Altiero, Brogioni Maurizio, Castello di Verrazzano, Le Palaie, Montefioralle, Podere Bucine, Podere Campriano, San cresci, Terre di Baccio, Terre di Melazzano, Terreno, Tenuta di Monteficali, Villa Calcinaia.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...