spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 8 Dicembre 2021
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Nasce a Greve in Chianti uno sportello anticaporalato, a tutela dei lavoratori stranieri

    Il progetto nazionale Sipla attiva un presidio nel Chianti fiorentino, presso la casa del popolo grevigiana

    GREVE IN CHIANTI – Nasce a Greve in Chianti, nella sede della casa del popolo, uno sportello della rete Sipla (Sistema integrato di protezione per i lavoratori in agricoltura), attivo ogni lunedì dalle ore 16 alle ore 18.

    Il progetto prevede la creazione di sportelli di sostegno per i lavoratori stranieri contro il caporalato, il lavoro irregolare e lo sfruttamento lavorativo.

    Lo sportello è attivo con personale qualificato tutti i lunedì pomeriggio presso il circolo Arci grevigiano.

    Il progetto SIPLA, promosso dal Consorzio Communitas e co-finanziato dal Ministero dell’Interno con il Fondo Asilo, Migrazione e Integrazione 2014-2020 e l’AD delegata del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, è una rete nazionale di presidi e servizi territoriali, nata per proteggere e sostenere i lavoratori agricoli stranieri, extracomunitari, contro forme di caporalato, lavoro irregolare e sfruttamento lavorativo.  

    Il progetto prevede anche interventi sanitari idonei a prevenire l’insorgenza di situazioni di grave rischio anche in relazione alla salute e alla sicurezza sul lavoro.

    L’iniziativa attiva servizi di informazione e di tutela, finalizzati a promuovere legalità e sicurezza nei rapporti di lavoro, accordi con i portatori di interesse del territorio per realizzare azioni concrete a garanzia delle condizioni di legalità di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, percorsi di formazione specifici volti allo start up di impresa nel settore dell’agricoltura sociale.

    “Siamo contenti che il progetto di dimensioni nazionali abbia aperto una sede nel nostro territorio grazie alla collaborazione della casa del popolo di Greve” dichiara il sindaco Paolo Sottani.

    “Non si tratta – precisa – solo di un servizio di ascolto messo a disposizione dal circolo Arci, ma un presidio, un progetto ampio e articolato finalizzato a proteggere e tutelare i lavoratori in agricoltura, prevenire e far emergere fenomeni di sfruttamento lavorativo a danno dei lavoratori”.

    “La rete Sipla – conclude il sindaco – sostiene e accompagna i lavoratori nella presa di consapevolezza, svolge attività di presa in carico, tutela l’inserimento lavorativo, sensibilizza i territori, promuove un tessuto di interventi di informazione e formazione al lavoro insieme ad aziende agricole, fondato su presupposti etici”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...