spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 25 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Dopo una lettera in “difesa” dell’amministrazione comunale, eccone un’altra di… “accusa”

    GREVE IN CHIANTI – Non accenna a placarsi la polemica fra i cittadini grevigiani: fra coloro secondo i quali il Comune non fa abbastanza per le manutenzioni e chi, invece, sostiene l'opposto.

     

    Nei giorni scorsi abbiamo pubblicato la lettera di un cittadino che difendeva a spada tratta l'operato dell'amministrazione comunale grevigiana (clicca qui per leggere l'articolo). Oggi tocca invece a uno che la pensa… tutta all'opposto… .

     

    Perché basta critiche all'amministrazione grevigiana? Siamo in uno stato di diritto e ogni cittadino ha diritto di esprimere il proprio pensiero, tanto più verso un'amministrazione (al pari di altre istituzioni) che drena soldi ai cittadini in cambio di miseri servizi.

     

    Lei sarà soddisfatto, molti mi creda non lo sono e lo esprimono con l'astensione dal voto, altri con forconi.

     

    Nello specifico le segnalo che nonostante l'aumento negli ultimi ventanni dei dipendenti comunali quasi tutti i lavori sono stati esternalizzati, ultimamente la manutenzione del verde è stata data a una cooperativa il cui costo lo stiamo pagando sulla Tares, sempre sulla medesima bolletta paghiamo la quota dei tre giardinieri rimasti (a far cosa?), ma nonostante questo alcune aree verdi di Strada devono pulirle dei volontari.

     

    Questa è la pubblica amministrazione, non solo locale, che affonda la nostra economia con tasse altissime per pagare queste inefficenze.

     

    Giuseppe Bandinelli

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...