spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 20 Maggio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    E’ in corso di realzizazione vicino al cimitero: le risposte dell’assessore Romiti

     

     

    La segnalazione arriva direttamente da un cittadino di San Polo in Chianti, quell'Alessandro Bonechi sempre molto attento a tutto quel che accade sul territorio. E riguarda un'antenna per telefonia mobile in costruzione accanto al cimitero della frazione grevigiana.

     

    "Questi lavori – dice Bonechi – sono partiti pochi giorni dopo l'incontro pubblico cittadino, e spero vivamente che sindaco e giunta fossero stati all'oscuro di questa ennesima triste storia di mal gestione del territorio e rispetto dell'ambiente, compresi i luoghi sacri. Porto la voce di diverse persone che hanno reclamato e che, incontrandomi, mi hanno chiesto di riportare le loro giuste lamentele".

     

    "Vorremmo capire come mai – conclude Bonechi – sia stato installato lì quell'orribile traliccio quando poteva essere messo in qualsiasi altra parte. Vorremmo che il Comune si attivasse verso chi ha eseguito quei lavori invintandolo a sistemare il cantiere in modo più decente: è un luogo pubblico frequentato da anziani".

     

    A stretto giro ecco la risposta di Stefano Romiti, assessore alle infrastrutture e reti informatiche: “Il traliccio è stato messo vicino al cimitero, non dentro, perché per prassi consolidata i tralicci si mettono vicino ai camposanti, non si mettono in mezzo ai boschi e non si mettono vicino alle abitazioni”.
     

    “Non era possibile – prosegue Romiti – un’altra dislocazione (ad esempio dietro al cimitero perché il terreno non è di proprietà del Comune). Come non era possibile ospitare il nuovo gestore sul traliccio già esistente, perché tecnicamente non fattibile”.
     

    Per quanto riguarda le comunicazioni alla cittadinanza di San Polo, Romiti ricorda come “l'informazione è stata data da me personalmente nel corso di una assemblea in cui si parlava di trasporto pubblico locale. Forse, essendo quello dei mezzi pubblici il tema principale in quella occasione, è passata un po’ sotto traccia”.
     

    Infine conclude parlando dello stato attuale dell’opera: “La situazione è esteticamente brutta perché i lavori sono ancora in corso ed il cantiere è ancora aperto. La ditta sa che deve ripristinare in modo adeguato i luoghi e, a lavori ultimati, saranno adottati tutti gli accorgimenti possibili per rendere meno visibile il traliccio. Sarà infatti anche mascherato con una recinzione e una siepe”.
     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...