spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 26 Maggio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Emozionante serata a Santa Cristina in Salivolpe: in 150 per vedere le interviste a chi la visse sulla sua pelle

    SANTA CRISTINA IN SALIVOLPE (SAN CASCIANO) – Centocinquanta: tante sono state le persone che sabato 19 luglio hanno partecipato alla celebrazione della Liberazione di Santa Cristina in Salivolpe.

     

    La serata è iniziata alle 20.30 con una apericena organizzata presso la bottega di Santa Cristina; per poi trasferirsi su un piazzale retrostante, adibito per l’occasione a sala cinematografica, per vedere la proiezione del video con testimonianze raccolte dall’Associazione “Progetto Irene” di San Casciano.

     

    Interviste e montaggio realizzate da Silvano Callaioli e Rosanna Tacci, assieme ad altri membri dell’Associazione, che in occasione del 70esimo anniversario della Liberazione hanno raccolto le testimonianze di Pietro Bagnoli, Renzo Bucciardini, Maria Pia Calosi e Silvano Lastrucci.

     

    A introdurre la proiezione Carla Bruchi: "Durante queste interviste è abbiamo scoperto che Santa Cristina è stata liberata il giorno in cui si festeggia la santa, il 24 luglio. Tuttele altre frazioni faranno le loro iniziative: siamo partiti da qui essendo stato il primo lembo del comune di San Casciano a essere liberato".

     

    La parola è passata successivamente a Silvano Callaioli del “Progetto Irene”: "Fa piacere vedere così tanta gente – ha detto rivolgendosi ai presenti – riunita in questa piccola frazione per ricordare l’evento avvenuto 70 anni fa. Un evento che tutto sommato non sembra abbia lasciato segni evidenti di distruzione, o tanto meno di sangue su queste colline".

     

    "Tuttavia – ha proseguito – ascoltando le interviste di Pietro, Renzo, Silvano e la moglie Maria Pia Calosi, ci rendiamo conto che il fascismo e poi l’occupazione militare tedesca e la guerra, hanno costituito in questa tranquilla borgata un motivo di diffusa sofferenza".

     

    "Anche qua – ha ricordato – sono arrivate le cannonate sparate dai tedeschi da San Casciano che hanno trapassato le mura d’abitazioni per fortuna senza esplodere e di altre che invece hanno aperto nei campi voragini dove avrebbe trovato posto una casa".

     

    "Rimangono ancora oggi a testimonianza dell’epoca – ha sottolineato Callaioli – i rifugi scavati nel masso a poca distanza, utilizzati dalla popolazione del posto per sfuggire all’infierire delle armi".

     

    In questo contesto Callaioli ha inserito nelle riprese quelle che sono state per decenni le tradizioni del posto; in particolare quelle legate alla chiesa, che è rimasta fino a qualche anno fa un punto di aggregazione per la comunità.

     

    Fino ad arrivare alla chiusura della stessa che piano piano sta andando in rovina: ma ecco che grazie a volenterose persone è nato un comitato (clicca qui per leggere l'articolo) che chiede a gran voce il ripristino della chiesa di Santa Cristina in Salivolpe.

     

    Alla fine della proiezione il sindaco di San Casciano Massimiliano Pescini presente assieme all’assessore alla cultura Chiara Molducci e alcuni rappresentanti del consiglio comunale, ha ringraziato i preziosissimi testimoni protagonisti del filmato di quel passaggio storico i quali all’epoca erano dei bambini.

     

    A chiusura altra sorpresa: su una pista di legno allestita con luci colorate tipo anni '60, il complesso “I rustici sul sofà” ha coinvolto i presenti nel danzare. Come… una volta.

     

    di Antonio Taddei

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...