spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 2 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Non si è fermato all'”alt” della polizia municipale: “Se solo avessero controllato meglio…”

    SAN CASCIANO – La storia è di quelle surreali e riguarda una famiglia di Serravalle Pistoiese: in particolare l'auto di Mauro Marcanti, rubata e pure… multata a San Casciano.

     

    "Il 17 dicembre – ci dice – ci è arrivata a casa una raccomandata che conteneva un verbale di violazione al codice della strada, emesso dalla polizia municipale dell’Unione Comunale del Chianti Fiorentino a fine novembre. La violazione è stata commessa quando, il 29 novembre scorso, la mia auto non si è fermata all’alt di tre agenti della municipale, in via Scopeti 108 a San Casciano, alle 16".

     

    "Peccato però – prosegue – che, non solo alla guida di quell’auto non c’ero io, ma soprattutto che l’auto ci è stata rubata nella notte tra il 14 e il 15 novembre scorsi, furto che hosubito denunciato ai carabinieri di Casalguidi, nel comune di Serravalle Pistoiese, dove vivo".

     

    "Insomma – dice amaramente – la mia vettura rubata è passata sotto gli occhi degli agenti della municipale ma nessuno si è preoccupato di fare una verifica in più, che avrebbe consentito di segnalare la presenza dell’auto in quella zona e, forse, di recuperarla".

     

    "Invece – prosegue – è stato preso il numero della targa, nonostante la macchina fosse fuggita dopo l’alt, ma solo per controllare al Pra a chi quella vettura appartenesse. Non so se la polizia municipale possa accedere alla banca dati delle auto rubate, ma penso di sì: se questo fosse stato fatto forse ora riavrei la mia macchina. Ora chissà dove sarà…".

     

    Quindi, dopo il danno la beffa: "Comunque – prosegue Mauro nel suo racconto – ricevuto il verbale per posta ho subito preso contatto con la responsabile del procedimento informatico della municipale del Unione comunale del Chianti fiorentino, che mi ha assicurato di occuparsi della vicenda, e si è fatta inviare una dichiarazione da me sottoscritta dell’accaduto e copia della denuncia che avevo fatto ai carabinieri il 15 novembre".

     

    "Spero che questa storia si chiuda qui – si augura Mario – e che non debba ritrovarmi a contestare un verbale davanti al Prefetto o al Giudice di Pace. O, peggio ancora, a dover pagare una multa e a vedermi decurtare tre punti dalla patente, come previsto dal  codice nel caso di queste violazioni, per un’infrazione commessa da altri e per un’auto la cui sottrazione è stata immediatamente denunciata. Mi pare di aver subito un danno già tanto grosso con il furto della mia vettura!".

     

     

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...