spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 5 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    San Casciano, un riconoscimento pubblico per il talento e la carriera dell’attrice Beatrice Visibelli

    Il sindaco Roberto Ciappi le conferisce il Premio Antonio Morrocchesi: domani le consegnerà un dipinto di Eugenia Liaci al termine dello spettacolo "La Mite"

    SAN CASCIANO – Il Comune di San Casciano assegna il Premio Morrocchesi, edizione 2022, ad un volto noto e amato del teatro toscano e italiano.

    E’ la sancascianese Beatrice Visibelli l’interprete che la giunta comunale ha scelto di omaggiare per il suo indiscusso e pluripremiato percorso professionale, “che unisce talento, qualità artistiche e impegno civico”.

    La cerimonia di consegna è prevista domani, venerdì 25 novembre, al termine dello spettacolo “La mite” che la vede protagonista, sul palcoscenico del Teatro comunale Niccolini.

    Il premio, intitolato ad Antonio Morrocchesi, attore teatrale sancascianese della seconda metà del ‘700, è conferito ogni anno dall’amministrazione comunale a personaggi che si sono distinti nel mondo del teatro sia per il contributo offerto alla crescita culturale del paese sia per il successo ottenuto nel corso della carriera artistica.

    Sarà il sindaco Roberto Ciappi a rendere pubblico il riconoscimento dell’amministrazione comunale con la consegna all’attrice di un’opera pittorica dell’artista Eugenia Liaci

    Lo spettacolo “La Mite”, proposto dal Comune e Fondazione Toscana Spettacolo, partners nella programmazione artistica della stagione teatrale del Niccolini, in occasione della Giornata per l’eliminazione della violenza contro le donne”, è un intenso monologo su adattamento e regia di Nicola Zavagli, tratto dall’opera di Fëdor Dostoevskij, produzione Teatri d’Imbarco. Informazioni: 0558256388.

    Beatrice Visibelli si è diplomata presso la Bottega Teatrale di Vittorio Gassman nel 1986 e da allora ha calcato ininterrottamente le scene di tutti i teatri d’Italia, dando prova di un talento che, precocemente manifestatosi, le ha consentito di sperimentare collaborazioni artistiche e professionali di altissimo livello.

    Il sodalizio umano e professionale con Nicola Zavagli, oltre a segnare il suo ritorno nei luoghi d’origine, ha marcato anche una svolta importante nel suo percorso artistico: da un lato attraverso la costituzione della Compagnia Teatri d’Imbarco e la direzione del Teatro delle Spiagge, e dall’altro e parallelamente attraverso la messa in scena e la partecipazione a lavori che sempre di più hanno manifestato una spiccata attenzione a tematiche e linguaggi contemporanei.

    “Beatrice Visibelli ha saputo coniugare la forte e riconosciuta presenza sul territorio con uno sguardo sempre aperto e curioso verso il mondo – dichiara l’assessore alla cultura Maura Masini – l’impegno civile ed il teatro di testimonianza con interpretazioni intense ed emotivamente coinvolgenti, la leggerezza del linguaggio con l’intensità delle passioni”.

    “Siamo felici e onorati di poter assegnare il Premio Morrocchesi all’attrice Beatrice Visibelli, nostra concittadina – sottolinea il sindaco Roberto Ciappi – Ciò che mi ha sempre colpito di Beatrice è la capacità di indossare panni diversi sulla scena e di restare se stessa nella vita”.

    “Una donna vera e piena di passione per il suo percorso artistico – tiene a dire Ciappi – e il cammino di cittadinanza attiva che porta avanti con serietà e senso di responsabilità, Beatrice fa dialogare mondi diversi, crea e trova punti di contatto straordinari con il pubblico quando è in scena e con la comunità quando passeggia per le vie di San Casciano. E’ un’artista di alto profilo culturale che sa emozionare e allo stesso tempo un’artigiana delle relazioni, puntuale e paziente, che intesse storie, vissuti, sentimenti ed emozioni nella complessità del nostro tempo di cui offre magistrali interpretazioni”.

    Tanti i nomi di primo piano che si sono alternati sul palcoscenico del Niccolini.

    Dalla stagione teatrale 1999/2000 hanno ricevuto il premio Giorgio Albertazzi, Gianrico Tedeschi, Franca Valeri, Paolo e Lucia Poli, Massimo Ghini, Isa Danieli, Alessandro Benvenuti, Umberto Orsini, Ottavia Piccolo, Elio De Capitani e Ida Marinelli, Laura Curino, Sandro Lombardi, Alessio Boni, Milena Vukotic, Glauco Mauri, Michele Placido, Anna Bonaiuto.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua