spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 8 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Iniziano a svelarsi tutte le iniziative organizzate per i 500 anni de “Il Principe”

    A casa Machiavelli una scuola per giovani amministratori, con seminari annuali nella sala convegni della Casa Museo. E' l'idea del Comune di San Casciano che, in occasione del quinto centenario del "Principe", lancia il progetto di valorizzare la Casa Museo (in foto) come testimonianza storica e luogo di formazione e dibattito politico

     

    Una scuola del futuro con un grande maestro del passato. Che rivive, insegna, testimonia in un luogo e in un testo simbolo della conoscenza e della grande cultura del Rinascimento italiano. Uno dei libri più letti al mondo, "Il Principe", e il suo autore Niccolò Machiavelli, padre fondatore della scienza della politica, nell'accezione più moderna, aprono la strada alle nuove generazioni di amministratori pubblici.

     

    E' questa l'idea del Comune di San Casciano che, in occasione del quinto centenario della scrittura del "De Principatibus", anniversario che ricorre quest'anno con un ricco cartellone di eventi ed iniziative tra San Casciano e Firenze (clicca qui per leggere quella della borsa di studio promossa dal Rotary San Casciano – Chianti), lancia il progetto di valorizzare la Casa Museo Machiavelli nell'antico borgo di Sant'Andrea in Percussina, come luogo di testimonianza storica e di dibattito e formazione politica.

     

    Tra le sale della bellissima villa in campagna, situata nell'antico borgo sancascianese dove l'intellettuale fiorentino negli anni dell'esilio abitò, studiò, scrisse, oziò scorgendo tanto in tanto all'orizzonte il Cupolone brunelleschiano, la storia e la politica si fondono per essere riviste in chiave contemporanea. Il progetto, messo in campo dall'amministrazione comunale, è quello di attivare negli spazi della dimora una scuola di formazione politica attraverso l'organizzazione di seminari annuali rivolti a tutti coloro che sono chiamati a gestire la cosa pubblica e a governare i territori e i Comuni italiani: gli amministratori pubblici.

     

    "Il Principe – dice il sindaco di San Caciano Massimiliano Pescini – è il trattato di scienza politica più letto e studiato al mondo. San Casciano, dove è stato scritto, da luogo semplicemente simbolico, può diventare uno spazio che guarda al futuro attraverso la conoscenza e il confronto tra chi studia la teoria e chi deve metterla ogni giorno in pratica. Si risponde anche così all'esigenza di cambiamento che viene dalla nostra società e che dobbiamo saper cogliere".

     

    E la teoria si traduce in occasione con il primo evento di cui il Comune sta definendo i dettagli per inaugurare l'attività formativa che prenderà corpo nel corso dell'autunno. Si tratta di un'importante collaborazione con l'associazione di ricerca "Italiadecide", la cui costituzione è stata promossa da Carlo Azeglio Ciampi e che ha quale presidente onorario Luciano Violante.

     

    Sarà una festa dedicata agli amministratori pubblici l'iniziativa, organizzata dall'associazione nell'ambito della scuola per la democrazia in collaborazione con il Comune che apre di fatto il progetto di formazione politica con sede a San Casciano. Un incontro pluripartisan tra centinaia di amministratori pubblici, provenienti da tutta Italia. Questi ultimi avranno l'occasione di conoscere gli ambienti, gli spazi, gli oggetti, gli stemmi, il camminamento sotterraneo che dalla villa conduce all'osteria L'Albergaccio, usi e abitudini del loro più illustre teorico. Avranno anche un'importante occasione di formazione grazie alla partecipazione di personalità di spicco a livello nazionale del mondo istituzionale, universitario e imprenditoriale. E potranno apprezzare l'alto valore culturale del contesto paesaggistico ed architettonico che offre Sant'Andrea in Percussina.

     

    "Le grandi opere nascono da un lavoro paziente e umile che fornisce preparazione culturale, conoscenza delle cose, analisi lucida e approfondita della realtà  – conclude l'assessore alla cultura Chiara Molducci – e Machiavelli è in questo senso è uno degli esempi più virtuosi dal quale dobbiamo trarre insegnamento, il nostro progetto mira a fornire strumenti, competenze e ambiti di discussione agli amministratori e ai politici del futuro".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua