spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 20 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    E’ ufficiale: dall’1 febbraio Laika è stata acquisita dagli americani di Thor Industries

    Nota congiunta con il gruppo Hymer. L'entusiasmo degli acquirenti: "Posizione di leadership nel mercato europeo"

    PONTEROTTO (SAN CASCIANO) – Mancava solo l'ufficialità, che è arrivata venerdì 1 febbraio con un comunicato congiunto: Laika, l'azienda di autocaravan del Ponterotto, passa (insieme a tutto il gruppo Hymer, di cui fa parte) agli americani di Thor Industries.

     

    "Thor Industries – si legge nella nota – ha annunciato oggi di aver completato l'acquisizione di Erwin Hymer Group (EHG), uno dei maggiori produttori europei di veicoli ricreazionali (RV), in vigore dal 1 febbraio 2019. La combinazione di Thor e EHG crea il più grande produttore di camper al mondo, con posizioni di leadership sia nel Nord America che in Europa. L'acquisizione esclude le attività di North American di EHG e riflette una riduzione del prezzo di acquisto di 170 milioni di euro e una riduzione di 180 milioni di dollari degli obblighi che la società avrebbe altrimenti assunto in base al contratto di acquisto originale".

     

    "Questo è un momento entusiasmante per Thor; completando l'acquisizione di Erwin Hymer Group conquistiamo immediatamente una posizione di leadership nel dinamico mercato europeo dei camper", ha dichiarato Bob Martin, presidente e CEO di Thor.

     

    "L'Europa – ha proseguito Martina – il secondo più grande mercato per camper a livello mondiale, è il luogo più logico per iniziare il prossimo capitolo della crescita di Thor. Avendo costruito rapporti con il team di gestione EHG nel corso di diversi anni, l'opportunità di entrare nel mercato europeo con il leader del settore si inserisce perfettamente nel nostro piano strategico: EHG offre enormi punti di forza nello sviluppo del prodotto, nella tecnologia e nell'efficienza produttiva, che completano la storica forza di Thor nel mercato nordamericano, rendendo la nostra azienda combinata l'indiscusso leader globale nel mercato dei camper".

     

    "Siamo impegnati nel nostro piano di crescita strategica e, dall'acquisizione di Jayco nel 2016, abbiamo valutato numerose opportunità. Decidendo in ultima analisi il percorso migliore per la crescita a lungo termine, ovvero espandere il nostro core business geograficamente nel mercato europeo. Ora che l'acquisto è chiuso, possiamo concentrarci sui nostri piani d'azione per raggiungere sinergie operative significative. E condividere le migliori pratiche in tutte le nostre operazioni globali" ha aggiunto Martin.

     

    Martin Brandt, CEO di Erwin Hymer Group ha commentato così: "La chiusura della vendita di EHG a Thor segna l'inizio della prossima fase della crescita della nostra attività. Siamo entusiasti di iniziare a lavorare insieme, imparando gli uni dagli altri, migliorando le nostre operazioni e fornendo un'esperienza soddisfacente per i nostri clienti e le loro famiglie. Mentre iniziamo a sfruttare il talento combinato delle nostre aziende e condividiamo le migliori pratiche in tutto il mondo, siamo più ottimisti che mai sul futuro e sui risultati che verranno raggiunti".

     

    Christian Hymer, figlio del defunto fondatore, Erwin Hymer, ha dichiarato: "In Thor, abbiamo trovato il proprietario strategico ideale a lungo termine della grande compagnia costruita da nostro padre. Thor fornirà le risorse necessarie per favorire lo spirito imprenditoriale che è alla base del Gruppo Erwin Hymer e permea le culture aziendali di entrambe le società. Come azionisti, la nostra famiglia è pienamente impegnata nel successo a lungo termine di Thor e del gruppo Erwin Hymer".

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...