spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 26 Maggio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Un docu-film sul Carnevale (oggi Medievale) Sancascianese: domani una troupe a far riprese

    Voluto fortemente da Roberto Caneschi, con il regista Alessandro Sarti ripercorrerà la storia del Carnevale a San Casciano: da quelli degli anni Ottanta a quello di oggi fino a quello... del futuro

    SAN CASCIANO – A breve ci sarà anche… un docu-film sul Carnevale Sancascianese, che avrà uno dei suoi punti forti nel Carnevale Medievale.

    Domani infatti, domenica 7 aprile, in occasione della dodicesima edizione, sarà presente la troupe cinematografica della Cinquantunopercentofilmeproduzioni.

    Ovvero la casa di produzione che ha prodotto “Che bella storia la vita”, che ha visto come protagonista, insieme alla grande Sandra Milo e Sergio Forconi, il sancascianese Roberto Caneschi.

    Con il regista Alessandro Sarti, attori come lo stesso Sergio Forconi (che, lo ricordiamo, a San Casciano, anzi a Pisignano, è nato), Giovanni Lepri, Valerio Ranfagni, e con Roberto Caneschi, verranno girate alcune scene.

    Necessarie per poter realizzare un film documentario sul Carnevale sancascianese: di ieri, oggi (ovvero quello Medievale) e… domani.

    Un lavoro che Caneschi ha voluto fortemente, anche perché è stato coinvolto per anni nel Carnevale di San Casciano degli anni Ottanta.

    Quello dei carri che nascevano dove oggi c’è il centro del riuso a Canciulle.

    “Con questo film documentario – dice Caneschi – potremo rivivere il Carnevale di 40 anni fa, e vedere le differenze con quello di oggi e… chissà, su come sarà domani”.

    “Penso possa essere un bn bel regalo per i sancascianesi – conclude – che presto tutti potremo vedere al cinema”.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...