spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 30 Gennaio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Siglato in Provincia. La passerella mette in collegamento Compiobbi con Vallina

    È stato sottoscritto nei giorni scorsi (vedi foto) il protocollo d'intesa tra la Provincia di Firenze e i Comuni di Fiesole e Bagno a Ripoli per la realizzazione di una nuova connessione trasversale sull'Arno, mediante la costruzione di un ponte di passaggio riservato a ciclisti e a pedoni.

     

    La nuova passerella pedo-clicabile collegherà piazza Mazzini, a Compiobbi (nel comune di Fiesole) con la riva opposta in prossimità di San Michele a Compiobbi, in località Vallina (nel territorio comunale di Bagno a Ripoli).

     

    Il nuovo attraversamento sarà realizzato per incrementare la mobilità sostenibile e in questo modo ridurre le emissioni inquinanti. La passerella sull'Arno rappresenta un modo di pensare il fiume non solo come elemento di pericolo, nei periodi a rischio di esondazione, ma porta alla riscoperta di un fiume da vivere nel rispetto dell'ambiente.

     

    Una volta completata, il nuovo ponte consentirà a quanti risiedono in sinistra idrografica dell'Arno e, in modo particolare, per i cittadini di Vallina e Villamagna, di accedere direttamente alla stazione ferroviaria di Compiobbi. Inoltre permetterà ai lavoratori pendolari, agli imprenditori, ai clienti e ai visitatori di accedere alla zona industriale di Vallina attraverso il servizio di trasporto pubblico locale, su gomma e su ferro, presente in riva destra.

     

    Un progetto strategico pensato in una prospettiva di interconnessione tra i mezzi di trasporto che consentirà di collegare direttamente Vallina e il suo entroterra al sistema di trasporto nazionale e internazionale, come alta velocità e aeroporto.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...