spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 28 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Ago e filo contro la guerra, le sarte di Bagno a Ripoli lanciano le bandiere della pace solidali

    Il ricavato sarà devoluto alla Caritas per l'accoglienza dei profughi ucraini: ecco dove è possibile acquistarle

    BAGNO A RIPOLI – Ago e filo contro la guerra in Ucraina.

    Dopo aver confezionato con le loro mani 60mila mascherine durante l’emergenza Covid, le sarte ripolesi scendono in campo per sostenere la popolazione ucraina.

    Le Tipe,  il gruppo di sarte di Bagno a Ripoli, Grassina e Antella, supportato dalla Commissione Pace e Diritti del Comune, ha rimesso in moto le macchine da cucire per realizzare centinaia di bandiere della pace.

    Bandiere molto particolari, formate da strisce di stoffa singole non cucite, come a simboleggiare lo strappo alla pace provocato dalla guerra.

    “Proprio per questo – spiegano le Tipe – abbiamo deciso di chiamare l’iniziativa “Ricuciamo la pace”, ognuno può dare il suo contributo, il progetto infatti aiuterà la popolazione ucraina in fuga dall’aggressione russa”.  

    Le bandiere possono essere trovate in alcuni negozi di Grassina, Antella e Bagno a Ripoli. L’acquisto è a offerta libera (minimo 5 euro).

    Il ricavato sarà interamente destinato alla Caritas per l’accoglienza dei profughi ucraini.

    L’iniziativa si svolge con il patrocinio del Comune, in collaborazione con il Ccn “Grassina e le sue botteghe”, il Comitato Vivere all’Antella, e il Ccn di Bagno a Ripoli.

    Di seguito l’elenco dei negozi aderenti all’iniziativa: 

    Grassina: Edicolandia, Edicol Libri e Giornali, Alimentari Luana.

    Bagno a Ripoli: Edicola, Foto Ottiva Voguer, Cartoleria Colorando. 

    Antella: Bangerang, Bloom Fiori, Cartoleria Tiziana. 

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...