spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Al centro anziani di Meoste arriva la festa di Natale: due pomeriggi pieni di allegria

    Mercoledì 21 spettacolo teatrale "...E Godot?" interpretato dalla Compagnia Fuori Corso, giovedì 22 tombolata per tutti

    BAGNO A RIPOLI – Arriva il Natale al centro anziani di Meoste.

    La cooperativa sociale Coop.21, che gestisce la struttura comunale, in occasione delle festività ha organizzato due iniziative dedicate ai frequentatori del centro.

    Mercoledì 21 dicembre alle 16 andrà in scena lo spettacolo teatrale “…E Godot?” interpretato dalla Compagnia Fuori Corso e curato da Letizia Cirri dell’associazione “Il tango delle civiltà”. A seguire un rinfresco natalizio.

    Giovedì 22 dicembre alle 15 tutti a giocare alla tombolata natalizia.

    Il centro anziani di Meoste (via Giusiani 37) è di proprietà del Comune di Bagno a Ripoli ed è gestito dalla cooperativa Coop.21.

    Propone attività ricreative e di animazione volte a favorire l’integrazione della persona anziana nel tessuto sociale di appartenenza, consentire un processo di socializzazione nel circuito di persone esterne alla famiglia, stimolarne l’autonomia e favorire la creazione di relazioni amicali.

    Info: 055630089055633130info@coop21.it.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...