spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 10 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Al Giardino I Ponti di Bagno a Ripoli un’arnia donata dai gemelli francesi di La Garenne Colombes

    Potenzierà il progetto di apicoltura urbana già avviato nel comune al parco urbano di Grassina e all’oratorio di Santa Caterina

    BAGNO A RIPOLI – Inaugurazione, duranta la due giorni di Primolio, dell’arnia nel giardino dei Ponti, alla presenza del sindaco Francesco Casini, dell’assessore all’ambiente Enrico Minelli e del presidente del consiglio comunale Francesco Conti.

    Un dono per il gemellaggio da parte del comune francese de La Garenne-Colombes, presente con la delegazione guidata dalla sindaca Monique Raimbault e il deputato ed ex sindaco Philippe Juvin.

    L’arnia potenzierà il progetto di apicoltura urbana già avviato nel comune al parco urbano di Grassina e all’oratorio di Santa Caterina.

    “Le api – ha spiegato l’assessore Minelli ringraziando insieme al sindaco i gemelli francesi – faranno il loro ingresso nella nuova casa, tutta in legno, all’inizio della primavera, a marzo, il periodo più adatto come illustrato dai nostri apicoltori”.

    “L’arnia – ha anticipato – sarà utilizzata a scopi didattici, le scuole saranno protagoniste di lezioni sulle api e della realizzazione del miele di Bagno a Ripoli, ma servirà anche a tutelare questi piccoli insetti, fondamentali per la vita sul pianeta e oggi messi a rischio dai fattori inquinanti”.

    L’inaugurazione è stata seguita da una visita delle delegazioni francese e tedesca al secondo giorno di PrimOlio.

    Successivamente tappa alla Cantina dei Marchesi Antinori e a San Gimignano, per una visita della città.

    Nel paese “delle torri”, le delegazioni e il sindaco sono stati accolti dal sindaco Andrea Marrucci.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua