spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 19 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Ancora musica sul palco della casa del popolo di Osteria Nuova: venerdì 14 aprile due gruppi in concerto

    Suoneranno i New Devils, nati dalle ceneri di una vecchia band fiorentina degli anni '70; e gli Strange Brew, cinque ragazzi che si sono incontrati un anno fa

    OSTERIA NUOVA (BAGNO A RIPOLI) – Proseguono gli eventi nel teatro della casa del popolo di Osteria Nuova.

    Domani sera, venerdì 14 aprile, saranno due i gruppi ad esibirsi.

    I New Devils, nati dalle ceneri della vecchia band fiorentina che negli anni ’70 ebbe un discreto successo suonando nell’area metropolitana, arrivando ad aprire il concerto di bands famose come i New Trolls.

    Per gioco si sono ritrovati dopo tanti anni di stop ma si sa, la musica smuove sempre passione ed ecco che, reclutando nuovi elementi e nuova linfa arrivano ai giorni nostri.

    Le sonorità si rifanno proprio agli anni d’oro, gli anni dove il rock la faceva da padrona con bands che hanno fatto la storia come Beatles Rolling Stones, Led Zeppelin Bowie solo per citarne alcuni.

    E sono proprio quelli i pezzi scelti dai New Devils che, nonostante abbiano qualche decennio alle spalle riescono sempre a farci divertire, a suscitare emozioni e ricordi pazzeschi.

    Siete pronti a cantare a squarcia gola con loro? Allora… let’s rock!

    Gli Strange Brew sono invece un gruppo di cinque giovani ragazzi che un anno fa si sono incontrati per la prima volta in una sala prove, sapendo soltanto di avere una passione in comune: la musica.

    Amanti del vecchio blues di Chicago anni ’50 ma anche di gruppi anni ’70 come Creedence e Cream, sperano di trasmettere agli altri la carica di energia,positività e divertimento che si crea quando suonano insieme.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...