mercoledì 3 Marzo 2021
Altre aree

    Antella: alla Misericordia un corso di formazione per volontari sulle ambulanze di primo soccorso

    Superato l’esame i volontari inizieranno a fare servizio di emergenza sulla ambulanza “Delta” della Misericordia dell’Antella in servizio per la centrale di soccorso del 112

    ANTELLA (BAGNO A RIPOLI) – La Misericordia dell’Antella comunica che il prossimo 2 febbraio alle ore 21, presso la sede della Confraternita, verrà presentato il corso di formazione per soccorritori di livello avanzato, che permette di prestare servizio d’emergenza sulle ambulanze di primo soccorso del 112 (ex 118).

    La durata complessiva del corso è di 60 ore, suddivise in 30 lezioni di ore ciascuna; il calendario completo delle lezioni verrà comunicato alla presentazione del corso.

    È possibile ottenere l’attestato di soccorritore di livello avanzato solo se si hanno almeno 18 anni alla data di esame, se si è già in possesso dell’attestato di soccorritore di livello base, e se si supera l’esame finale sotto l’occhio vigile del personale sanitario del 112.  

    Superato l’esame i volontari inizieranno a fare servizio di emergenza sulla ambulanza “Delta” della Misericordia dell’Antella in servizio per la centrale di soccorso del 112, 7 giorni su 7, dalle ore 8 alle ore 20, pronta ad uscire a sirene spiegate in tutte le situazioni di emergenza.

    Nel corso dell’anno sono previsti anche i retraining biennali, che permettono di certificare l’alta professionalità di chi opera a bordo delle ambulanze,  e  nuovo corso di formazione per soccorritori base.

    La Misericordia ricorda anche che fino alle ore 14 del prossimo 8 febbraio i giovani tra i 18 e 28 anni possono presentare domanda per 4 posti per il servizio civile presso la sede dell’Antella, retribuito per un anno, attraverso l’apposito sito nazionale. 

    “Sono già circa 15 i volontari iscritti al corso – tiene a sottolineare Paolo Nencioni, Governatore della Misericordia dell’Antella – che così rafforzeranno il loro impegno all’interno della Confraternita, ampliando quelle conoscenze che possono essere utili anche nella vita quotidiana, dando un aiuto alle persone in difficoltà prima che arrivi il personale medico e sanitario”.

    “Non solo – rimarca –  nel cercare  di trasmettere la nostra motivazione di soccorrere, cerchiamo anche di infondere, quale Confraternita, quello spirito di Carità cristiana che è tipico, da oltre sette secoli e mezzo, delle Misericordie. Questo corso, come tutti i nostri corsi, sono possibili grazie alla professionalità dei nostri giovani formatori, Martina, Lapo, Francesco, che ringrazio per il loro costante impegno”.

    “Il corso – evidenzia Jacopo Pestelli, Ispettore ai Servizi della Misericordia dell’Antella – si prefigge l’obiettivo di dare una specifica formazione tecnica sul vasto terreno dell’emergenza sanitaria”.

    “Nel corso – anticipa Pestelli – cercheremo di trasmettere non solo la nostra carica e la nostra motivazione, ma soprattutto le tecniche ed i protocolli di soccorso necessari sulle unità mobili di soccorso a fronte delle nostre esperienze in un campo, quello del soccorso sanitario, sempre in continua evoluzione e dove motivazioni e preparazione sono sempre più fondamentali”. 

    Per informazioni rivolgersi ai numeri 3480066705 (Martina) o al 3491836554 (Jacopo); oppure si può scrivere all’e-mail [email protected].

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...