spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 19 Maggio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Al Crc Antella, si va alla scoperta dei vini della costa toscana

    Appuntamento per il 28 gennaio con il Bolgheri e piatti della cucina regionale

    ANTELLA (BAGNO A RIPOLI) – Con il primo Ciclo Degustazioni 2020 al Crc di Antella si va alla scoperta dei vini della costa toscana.

     

    Martedì 28 gennaio alle 20.30 il tema sarà: Bolgheri, tre vini della costa toscana a confronto.

     

    Si comincia con un "Le colonne" (Bolgheri superiore Doc 2016, Tenuta Le Colonne Castagneto Carducci) con abbinamento di pecorino toscano, crostone toscano, salsiccia e stracchino, prosciutto toscano.

     

    Si prosegue con il "Dedicato a Vittorio" (Bolgheri superiore Doc 2016 Azienda Campo al Pero
    Donoratico) con polenta al ragù di cinghiale.

     

    Quindi ecco il Maestro di Cava (Bolgheri Superiore Doc 2016 Tenuta Meraviglia, Castagneto Carducci) con peposo all’imprunetina e fagioli in bianco.

     

    Il costo della singola serata è di 30 euro: i vini in degustazione e la parte teorica saranno illustrati da sommelier professionisti.

     

    Iscrizioni entro il 27 Gennaio presso la segreteria del C.R.C. Antella Tel. 055/621207 e/o Alessandro Conti 3298052802

    di REDAZIONE

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...