spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 3 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Bagno a Ripoli, il municipio si tinge di rosso per la Giornata internazionale per l’eliminazione delle armi nucleari

    Il Comune ripolese aderisce all'iniziativa del 26 settembre promossa da ANCI e Croce Rossa Italiana

    BAGNO A RIPOLI – Anche a Bagno a Ripoli il palazzo comunale si veste di rosso, in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione delle armi nucleari, in programma lunedì 26 settembre.

    L’iniziativa è promossa anche quest’anno da ANCI e Croce Rossa Italiana, insieme per ribadire l’importanza di un futuro senza armi nucleari.

    Nel mondo ci sono più di 13.000 testate nucleari e il tema della loro messa al bando ha sempre visto il parere favorevole dell’opinione pubblica.

    In una recente indagine statistica, il 68% degli italiani è convinto che le bombe nucleari sul nostro territorio debbano essere rimosse, mentre il 72% crede che l’Italia debba aderire al Trattato per la proibizione delle Armi Nucleari.

    “Quest’anno, in cui la guerra sembra ancor più vicina rispetto ad altri tempi, è importante dare un segno per richiamare l’attenzione dell’opinione pubblica sull’importanza che l’argomento costituisce”, spiegano gli organizzatori.

    Oltre Bagno a Ripoli, molti altri Comuni si illumineranno di rosso per ribadire la lotta contro il nucleare.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...