spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Bagno a Ripoli: la lista civica (con il consigliere più giovane) a sostegno del Bonus Cultura ai diciottenni

    Presenterà una risoluzione "con il fine di contrastare l'emendamento inserito nella legge di bilancio dal Governo che vuole eliminarlo"

    BAGNO A RIPOLI – A fine dicembre, a Bagno a Ripoli, si terrà l’ultimo consiglio comunale del 2022.

    E la lista civica Cittadini di Bagno a Ripoli rilancia sul bonus cultura tramite il suo consigliere comunale Corso Petruzzi (il più giovane consigliere eletto nella storia comune).

    “La lista – dicono da Cittadini di Bagno a Ripoli – sempre molto attenta alle nuove generazioni e agli aspetti sociali, presenterà una risoluzione a sostegno del Bonus Cultura per i diciottenni, con il fine di contrastare l’emendamento inserito nella legge di bilancio dal Governo che vuole eliminarlo”.

    “Stiamo parlando – rimarcano – di una delle poche misure italiane che ha avuto grande successo nei giovani. E che è stata replicata anche da molti altri Paesi europei: 500 euro che lo stato da a tutti i diciottenni da poter spendere in libri, mostre, musei… in cultura”.

    “Il Bonus – prosegue Petruzzi – che mette a disposizione una somma di cui disporre a piacimento nella sfera della cultura, è un primo passo di responsabilità nei confronti dei giovani”.

    “Perché la conoscenza – afferma – rende libere le nostre scelte. Non possiamo tagliare sui giovani e sulla cultura, ma investire sempre di più”.

    “Sarebbe bello vederlo come una sorta di ”benvenuto” all’età adulta. Questa mozione vuole mettere al primo posto la bellezza della cultura” concludono dalla lista civica.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...