spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Bagno a Ripoli, scoperti dai carabinieri forestali mentre bruciano rifiuti speciali: due denunciati

    In un campo (adibito a vigneto) lungo la SR222: stavano bruciano contenitori in plastica vuoti e in poliaccoppiato plastica/alluminio

    BAGNO A RIPOLI – Colti sul fatto mentre bruciano rifiuti speciali dai carabinieri forestali di Firenze.

    I militari, percorrendo la SR 222 Chiantigiana, nel comune di Bagno a Ripoli, hanno notato la presenza di fumo, proveniente da un campo adibito a vigneto.

    Hanno quindi proceduto ad effettuare il controllo in merito all’ordinanza del Comune di Bagno a Ripoli sulla riduzione del rischio di superamento dei valori limite per il parametro polveri sottili PM10.

    Riscontrando l’esecuzione di una combustione a terra di rifiuti, come contenitori in plastica vuoti e in poliaccoppiato plastica/alluminio, riconducibili a materiale in uso ad un’azienda agricola.

    Inoltre, erano stati dati alle fiamme altri rifiuti come pezzi di bancali e rifiuti urbani vari.

    Sul posto i militari hanno identificato una persona, di nazionalità rumena, che ha dichiarato spontaneamente di essere l’esecutore materiale dell’abbruciamento, in quanto operaio di un’azienda agricola per la quale stava lavorando in quel momento.

    Pertanto la pattuglia ha ravvisato a carico dell’uomo il reato di attività di gestione di rifiuti non autorizzata di cui all’art. 256 comma 1 lett. a) del Testo Unico Ambientale (D. Lgs 152/2006 ss.mm.).

    Ed il reato di getto pericoloso di cose di cui all’art. 674 del Codice Penale.

    Gli stessi reati sono stati contestati al rappresentante legale dell’azienda.

    L’area occupata dal cumulo di rifiuti combusti è stata posta sotto sequestro.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...