spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 26 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Bagno a Ripoli: “Spazzamento, puliti 17 chilometri di strade in più (senza costi aggiuntivi)”

    Settanta le vie interessate dal nuovo piano per lo spazzamento messo a punto dal Comune insieme ad Alia. In vigore dal prossimo gennaio

    BAGNO A RIPOLI – Oltre 17 chilometri di strade in più a Bagno a Ripoli saranno tirate al lucido, pulite e spazzate.

    In totale settanta vie del territorio comunale, oggi escluse dalla mappa dei netturbini, sono pronte a dire addio a cartacce e sporcizia.

    Sono i numeri del nuovo piano-spazzamento messo a punto dal Comune e da Alia servizi ambientali Spa, approvato dalla giunta e pronto a entrare in vigore dal prossimo gennaio. 

    “Si puliscono più strade ma senza costi aggiuntivi – dicono dal palazzo comunale – grazie a una razionalizzazione complessiva del servizio che ha ottimizzato i passaggi e i turni degli operatori ecologici”.

    Ad illustrare le novità e i giorni in cui si dovrà spostare l’auto per consentire la pulizia delle strade a breve compariranno nuovi cartelli informativi che manderanno in pensione la vecchia segnaletica “vintage”, risalente a quasi 40 anni fa. 

    Tra le nuove strade coinvolte dal piano spazzamento ci sono, a Sorgane, via De Gasperi, via Gramsci e il parcheggio via Bocci. Molte strade del capoluogo saranno spazzate in diurno, come via della Martellina, via Torta, via Agnoletti. All’Antella inizieranno ad essere oggetto di spazzamento via Romanelli, via Labriola, via Cattaneo, via Lavagnini e tutte le traverse, le traverse di via Brigate partigiane.

    A Grassina, frazione già quasi tutta coperta dalla pulizia strade, si inseriscono i parcheggi di via Costa al rosso, via San Michele a Tegolaia. Altri inserimenti a Ponte a Ema nella zona industriali. 

    “Nonostante l’aumento considerevole delle strade interessate dalla pulizia, i costi dello spazzamento non varieranno – spiegano il sindaco Francesco Casini e l’assessore all’ambiente Enrico Minelli – grazie a un lavoro di razionalizzazione dei turni e dei passaggi che rende il servizio più efficiente e capillare. Alcune strade finora registravano fin troppi passaggi, altre erano trascurate”.

    “Adesso – rilanciano – avremo così un territorio sempre più pulito e decoroso, senza gravare sule casse del Comune e dei cittadini. Abbiamo studiato nel dettaglio le nuove zone per creare meno disagi per il parcheggio. Il prossimo anno si aprirà una prima fase di sperimentazione, testeremo il servizio e lo miglioreremo ancora raccogliendo necessità e osservazioni dei cittadini”. 

    A Sorgane i turni, come concordato coi cittadini, saranno quindicinali per avvicinarsi alla frequenza della vicina Firenze (dove la pulizia è mensile).

    Ad Antella la porzione di viabilità fronte mercato sarà fatta di giorno dopo il mercato e non di notte. Viene inoltre eliminato il  turno del terzo venerdì mattina; in alcuni casi i turni del mercoledì pomeriggio passano al giovedì.

    I notturni rimangono sostanzialmente invariati tranne alcune eccezioni. A Grassina ad esempio lo spazzamento del centro urbano sarà effettuato di notte, non più di giorno, per agevolare le attività diurne.

    In autunno, via alla campagna di comunicazione casa per casa con opuscoli e brochure per illustrare tutte le novità. 

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...