spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 29 Maggio 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Born this way”, il concerto contro le discriminazioni di genere approda a Grassina

    Venerdì 13 maggio alle 21.30 il coro Lgbtqia+ "Choreus" sul palco della casa del popolo in piazza Umberto I

    GRASSINA (BAGNO A RIPOLI) – Il Comune di Bagno a Ripoli, col contributo della Regione Toscana, in occasione dell’approssimarsi della Giornata internazionale contro le discriminazioni per identità di genere ed orientamento sessuale, organizza il concerto spettacolo “Born this Way”, in programma venerdì 13 maggio alle 21.30 al teatro della casa del popolo di Grassina.

    In “Born this way”, cantata collettiva per ricordare le vittime di discriminazione per identità di genere ed orientamento sessuale, letture e testimonianze si intrecciano a brani corali e azioni teatrali per formare un’unica partitura, dove protagoniste indiscusse sono le voci, espressioni di identità personali e storie di vita.

    L’evento è promosso dalla Commissione comunale per la Pace e i Diritti.

    Protagonista dello spettacolo è “Choreus”, coro Lgbtqia+ nato nel 2018 e diretto da Simone Faraoni, composto da persone di tutti gli orientamenti sessuali e identità di genere.

    Che negli anni ha promosso molti spettacoli per sensibilizzare sui temi come il contrasto dell’omolesbobitransofobia ma anche la lotta all’Aids.

    Ingresso libero col rispetto delle norme di sicurezza Covid.

    Informazioni: casa del popolo (piazza Umberto I 14, Grassina, 055642639 – e-mail info@casadelpopolo.fi.it.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...