spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 6 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Cimitero di Quarate, riqualificazione al via: ok al progetto esecutivo. E 240mila euro di investimento

    In primavera la gara per assegnare i lavori che partiranno in autunno. L'assessore Pignotti: "Restituire finalmente questo luogo caro alla comunità, un impegno che viene mantenuto"

    BAGNO A RIPOLI – Conto alla rovescia per la riqualificazione del cimitero di San Bartolomeo a Quarate.

    La giunta comunale di Bagno a Ripoli ha dato il via libera al progetto esecutivo per la sua ristrutturazione, con un investimento di quasi 240mila euro.

    In primavera sarà indetta la gara per individuare la ditta a cui affidare i lavori. I cantieri, previsti in autunno, avranno una durata di circa sette mesi.

    Serviranno al consolidamento strutturale e alla ristrutturazione del cimitero e in particolare di alcuni edifici da tempo inagibili e chiusi al pubblico.

    Come evidenziato dalle indagini geologiche e geognostiche, saranno necessati interventi sulle fondazioni, sulle murature e sulle coperture.

    “Avevamo preso con i cittadini l’impegno di restituire alla comunità questo luogo di sepoltura caro ai cittadini di Quarate e a tutta la comunità, lo stiamo mantenendo con un investimento importante di risorse comunali” afferma l’assessore ai lavori pubblici Francesco Pignotti.

    “I lavori di riqualificazione – aggiunge – non più rimandabili, ci consentiranno di riaprire alcuni edifici chiusi da tempo per motivi di sicurezza”.

    “Un gesto – conclude Pignotti – che consentirà finalmente a tutti di poter portare un saluto ai propri cari che non ci sono più”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...