spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 13 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Commenti omofobi sul matrimonio dell’ex assessora Cellini: “L’amore vince sempre”

    La compagna: "È triste vedere che ci sono ancora persone che non riescono ad accettare l'amore in tutte le sue forme. Questi insulti fanno male, ma non ci abbatteranno"

    BAGNO A RIPOLI – Le offese omofobe rivolte via social all’ex assessora del comune di Bagno a Ripoli (appena eletta consigliera comunale durante la recente tornata elettorale), Francesca Cellini, e alla compagna Erika Marchetti, che si sono unite con rito civile nei giorni scorsi, finiranno probabilmente nelle aule dei tribunali.

    Ma va senz’altro rimarcato il messaggio, diffuso sempre via social, dalla stessa Erika Marchetti.

    Che racconta meglio di tante altre riflessioni la distanza siderale che c’è fra le persone vere e chi, in modo virtuale (a volte purtroppo anche reale), offende.

    “Ciao a tutti – scrive Marchetti – mercoledì è stato un giorno molto importante, uno dei più belli della mia vita: il mio matrimonio con la mia compagna, Francesca. È stato un momento magico, circondato da amici e familiari che ci vogliono bene”.

    “Purtroppo – aggiunge – invece di ricevere solo amore e congratulazioni, ho letto anche commenti pieni di odio e ignoranza”.

    “È triste – scrive ancora – vedere che ci sono ancora persone che non riescono ad accettare l’amore in tutte le sue forme. Questi insulti fanno male, ma non ci abbatteranno”.

    “Io e la mia compagna siamo più forti di queste parole vuote – rivendica – Il nostro amore è reale, è autentico e merita rispetto”.

    “Ringrazio di cuore tutte le persone che ci hanno sostenuto – conclude – e che ci sostengono ogni giorno. Continueremo a vivere la nostra vita con orgoglio e felicità, nonostante l’odio. L’amore vince sempre”.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...