spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 16 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Commercio, ecco la Bagno a Ripoli Card: per spingere gli acquisti nei negozi del territorio

    Totalmente gratuita, offrirà ai possessori sconti e agevolazioni se effettueranno gli acquisti nei negozi e nelle botteghe aderenti al circuito. Iniziativa della Pro Loco in collaborazione con il Comune

    BAGNO A RIPOLI – Si chiamerà “Bagno a Ripoli card”, sarà totalmente gratuita e darà la possibilità, a tutti i possessori, di accedere a una serie di sconti, agevolazioni e convenzioni con le realtà del territorio che decideranno di aderire al circuito.

    A lanciare l’iniziativa è la Pro Loco per Bagno a Ripoli che in queste settimane, anche in collaborazione col CCN Grassina e le Sue Botteghe, il Comitato Vivere all’Antella e il CCN le Botteghe di via Roma, e in sinergia con l’amministrazione comunale, ha iniziato a promuovere l’iniziativa tra le attività produttive del territorio. 

    “Da ora a settembre – spiega il presidente della Pro Loco Gian Domenico Volpi – la nostra intenzione è quella di raccogliere le adesioni e costruire un pacchetto di sconti e iniziative promozionali collegati proprio alla Bagno a Ripoli Card. Sulla card sarà poi stampato un QR Code che mostrerà via smartphone a tutti i possessori l’elenco delle attività convenzionate e la tipologia di servizio o sconto offerto”.

    “L’obiettivo che ci poniamo – rimarca Volpi – è duplice: da un lato, ovviamente, distribuirla ai cittadini del nostro comune, dall’altro fare in modo che possa essere consegnata a tutti coloro che qui passano o si fermano come turisti in modo da incentivarli a ‘utilizzare’ le botteghe e le attività del territorio. Crediamo che questo, a maggior ragione dopo l’emergenza Covid, sia davvero importante”.

    “Per la nostra amministrazione in questo momento rilanciare il settore economico delle piccole e medie imprese duramente colpite dall’emergenza sanitaria è una delle maggiori priorità” spiega il sindaco di Bagno a Ripoli Francesco Casini.

    “Non si tratta – aggiunge – solo di salvare e dare nuovo impulso al motore dell’economia locale, ma tutelare e valorizzare veri e propri presìdi del tessuto sociale della nostra comunità, messi in ginocchio dalle conseguenze della pandemia”.

    “Dopo le agevolazioni per le imprese su Tosap e Tari – conclude il primo cittadino – messe in campo dal Comune già durante il lockdown, ecco adesso la Bagno a Ripoli Card, un nuovo strumento concreto di promozione per le attività economiche che aderiranno, con sgravi e formule di fidelizzazione positive per i clienti. Un ringraziamento alla Pro Loco che coordinerà questa iniziativa e alle imprese che sceglieranno di aderire”. 

    “Si sta ampliando costantemente la rete degli esercizi che aderiscono all’iniziativa – dice l’assessora allo sviluppo economico Francesca Cellini –  e parallelamente rivolgiamo un invito alla cittadinanza e ai visitatori a scegliere i negozi e le botteghe locali per i loro acquisti e le loro necessità:  sostenerle significa sostenere il nostro territorio”.

    Nelle prossime settimane proseguirà la raccolta delle adesioni dei negozi e delle attività commerciali, in vista dell’attivazione ufficiale della Bagno a Ripoli Card a partire dal mese di settembre.

    Da quel momento, cittadini e visitatori potranno ritirarla nelle attività aderenti all’iniziativa, contrassegnate da apposita cartellonistica.

    Per adesioni e ulteriori informazioni: prolocoxbagnoaripoli@gmail.com.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...